Caltavuturo

Andrà in scena il 29 e 30 aprile a Caltavuturo il I° Madonie food festival, la rassegna enogastronomica dei prodotti madoniti.
E' sparito lo scorso 26 novembre 2016 e di lui si è persa ogni traccia.
Non avendo una casa propria, ha pensato bene di occuparne una popolare a Caltavuturo.
Molto intensa e discussa l'assemblea pubblica convocata a Caltavuturo dall'amministrazione comunale, guidata dal sindaco Domenico Giannopolo, che si è svolta sabato 8 ottobre scorso al salone convegni Palazzo Bonomo, avendo come tema "Polo impiantistico trattamento a freddo rifiuti".
Si è svolto sabato 8 ottobre, presso il Palazzo Bonomo di Caltavuturo, promosso dal Comune, il dibattito pubblico sulla proposta progettuale dalla SRR Palermo - Provincia Est di un impianto di gestione dei rifiuti di tipo TMB (Trattamento Meccanico Biologico) a freddo.
Un polo impiantistico per trattamento a freddo dei rifiuti è stato individuato a Caltavuturo dalla società SRR (Società regolamentazione Rifiuti) che gestisce 31 comuni dell'Area Termini-Madonie ed esattamente in contrada Gangitana vicino Tremonzelli per trattare a freddo i rifiuti con separazione delle varie componenti: umido, plastica, cartone, alluminio, vetro.
A causa di una rottura della condotta idrica "Consortile" avvenuta nella Contrada Ginestra, il Sindaco di Caltavuturo Domenico Giannopolo, avvisa la cittadinanza di possibili disagi.
Oggi a Caltavuturo, a partire dalle ore 19,30 “Amatriciana solidale”. I ristoratori del Comune madonita, insieme ai volontari della Croce Rossa Italiana, comitato di Campofelice di Roccella, offriranno a tutti un piatto di pasta alla amatriciana ed un bicchiere di vino, al costo di soli 5 euro.
Si presenta venerdì 22 luglio alle ore 17,00, presso la Chiesa Santa Maria la Nova (Badia) a Caltavuturo, il libro di Gregorio Castiglia dal titolo: “A lode della tua gloria.Presbiteri Caltavuturesi tra l’800 e il ‘900”.
C'era tanta ansia e tanta attesa prima che iniziasse, ed invece l'evento si è svolto e concluso con tanta gioia dei partecipanti. Questo quanto è successo il 31 luglio alla inaugurazione della "Regia Trazzera", indicata "Trazzera Prestanfuso" la strada finanziata dal MoVimento 5 stelle con poco più di 300 mila euro, lunga circa un chilometro e larga cinque, ma che accorcia in tempi brevi il raggiungimento della A19 da Caltavuturo a Scillato, realizzata dalle imprese edili Li Destri e Guggino.