Gangi, ha compiuto 100 anni la signora Maria Mocciaro: è la quinta centenaria del paese

0
567

L’elisir di lunga vita: il suo sorriso. A Gangi l’otto marzo festeggiati i 100 anni di nonna Maria Mocciaro. E’ la quinta centenaria del borgo madonita, uno dei comuni più longevi di Sicilia.

Nata in una famiglia numerosa, composta da sette sorelle e 5 fratelli (lei era la più piccola) nonna Maria gode di ottima salute, è autosufficiente ed ha una memoria di ferro. Tenace, perseverante e principalmente molto cattolica, a lei sono arrivati anche gli auguri del Papa.

Festeggiare nello stesso giorno il suo centesimo compleanno e la festa delle donne è stato sicuramente un evento singolare se non unico. Prima la messa celebrata nella sua parrocchia, quella di Santa Maria, da don Massimo Alfonso e don Francesco Casamento. E poi la festa a casa con tanto di taglio di torta. Nonna Maria ha dispensato per tutti un sorriso e un abbraccio chiamando tutti per nome. A coccolarla le due figlie Carmela e Sarina, i generi Pino e Cristofaro e i nipoti, Roberto, Antonella, Aldo Maria, Antonio e Luisa.

Lei, che continua ancora oggi a sferruzzare e a lavorare l’uncinetto, in gioventù ha anche lavorato nella macelleria di famiglia. A tavola mangia di tutto ma le sue pietanze preferite sono le costolette di agnello panate e crocchè di patate. Una curiosità: ogni pasto beve mezzo bicchiere di vino e nelle occasioni speciali il Martini. Grande cuoca, fino a qualche anno fa, preparava la domenica per tutta la famiglia. La sua specialità le stelline con crema pasticcera.

La tv è la sua compagna durante la giornata, guarda un Posto al Sole e non si perde una puntata di “Affari tuoi”.

A festeggiare, assieme a tanti parenti ed amici, anche il sindaco di Gangi Giuseppe Ferrarello e il presidente del consiglio comunale Concetta Quattrocchi che a nome della collettività hanno voluto donare una targa e dei fiori. “Nonna Maria è la nostra quinta centenaria in vita – ha detto il sindaco Ferrarello – una curiosa circostanza vuole che bene tre centenari vivono nello stesso quartiere: quello di Santa Maria”.