Montemaggiore Belsito, l’atleta Mario Piraino vince il 44° Trofeo S.S. Crocifisso

0
894

E’ il montemaggiorese Mario Piraino il vincitore del 44° Trofeo S.S. Crocifisso che si è disputato ieri pomeriggio a Montemaggiore Belsito. Il forte atleta “di casa”,

tesserato per l’Atletica Bagheria è così riuscito a scrivere il proprio nome nell’albo d’oro della manifestazione, dopo una ventina di edizioni corse. Un palmarès suggestivo e prestigioso quello del Trofeo S.S. Crocifisso che annovera, tra gli altri, le vittorie di Totò Antibo, i fratelli Selvaggio, gli etiopi Tedesse e Kipkemei Chirchir e la partecipazione dei migliori atleti che la Sicilia è riuscita ad avere nell’ultimo mezzo secolo. 
Al femminile la vittoria è andata alla giovanissima Aurora Castello (16 anni a dicembre) tesserata per la Marathon Altofonte e tra le più forti atlete in Italia della sua categoria. 
Gara dura, percorso consolidato: via Tenente S. Militello, corso Re Galantuomo, largo Giovanni XXIII, corso Principe Umberto, corso Principe Amedeo, con la “salita delle suore” croce per gli atleti, delizia per lo spettacolo e sempre pronta a fare la selezione. Quattro giri per circa quattro chilometri per donne e uomini over 60. Buona la partecipazione (malgrado l’impegno infrasettimanale, legato a doppia mandata ai festeggiamenti patronali) di atleti giunti anche da fuori provincia.
Tutto facile per i due vincitori Piraino e Castello che hanno fatto gara a se, andando a vincere senza problemi e con robusti distacchi.
Nella gara maschile l’atleta di Montemaggiore ha fermato il crono a 34’59, seguito da Gaspare Messina (Polisportiva Team Francesco Ingargiola) in 36’50, terzo Calogero Mangione (Podistica Salemitana) in 36’57. Tra le donne (quattro giri) Aurora Castello ha chiuso in 19’45, seconda a due minuti Maria Profita (Equilibra Running Team), terza Aurelia Corsetti (Pegaso Athletic) con il tempo di 23’14.
L’evento si è aperto con l’esibizione degli atleti più giovani, protagonista il Marathon Altofonte di Francesco Rinicella che ha schierato i suoi “gioiellini”: la piccola Rachele Bruno, Silvia e Ginevra Castello, Giorgia Bruno, Giuseppe Sala, Cristian e Aurora Giustore. Presente anche Gianmatteo Gullo della Murialdo Cefalù.
Finale della giornata sportiva in crescendo, dapprima il terzo tempo che a visto gli atleti ristorarsi con  prodotti locali, poi le premiazioni con protagonisti, tra gli altri il sindaco di Montemaggiore Belsito Antonino Mesi, l’assessore allo sport Angelina Pace, il presidente del consiglio comunale Cosimo Gullo, il presidente del Comitato dei Festeggiamenti Antonio Castiglia, il presidente dell’ASD Belsitana Giuseppe Cascio e Stefano Saitta delegato del CIP Palermo (il Comitato paralimpico) che ha consegnato una  maglia del comitato a Luca Calanni  giovane disabile che grazie allo sport sta scrivendo una nuova “bellissima” pagina  della sua vita. Tra i premiati anche Roberto Zellini, atleta indigeno, che ha corso tutte le quarantaquattro le edizioni. 
La manifestazione, patrocinata dal Comune di Montemaggiore Belsito e dal Comitato Festeggiamenti S.S. Crocifisso è organizzata dall’A.S.D. Belsitana in collaborazione con il Palermo Sport & Dev, comitato organizzatore affiliato al CSAIn/Confindustria Sicilia. La gara è stata valida come prova “Challenge” BioRace 2022.
I vincitori di categoria: SM35 Angelo Lo Iacono (Marathon Monreale), SM40 Filippo Facella (Terrasfalto Team Bike), SM 45 Mario Piraino (Polisportiva Atletica Bagheria), SM50 Gaspare Messina (Team Francesco Ingargiola), SM55 Giovanni Vitrano (Marathon Monreale), SM60 Elio Amato (Universitas Palermo), SM65 Antonino Calandra (Polisportiva Atletica Bagheria), SM70 Giovanni Fusco (Universitas Palermo), SM75 Giuseppe Troncale (Podistica Salemitana);  AF Aurora Castello (Marathon Altofonte), SF45 Aurelia Corsetti (Polisportiva Pegaso Athletic), SF50 Maria Profita (Equilibra Running Team), SF55 Vita Ciravolo (Podistica Salemitana), SF60 Chantal Briard (Podistica Salemitana), SF65 Laura Topognani (SF65).