Preoccupanti dati sull’occupazione in Sicilia: in sei anni 51.509 posti in meno. Cresce il lavoro nero

Sabato, 21 Settembre 2019 20:22 Scritto da  Pubblicato in Sicilia
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ieri la Cigl Sicilia ha diramato i dati relativi alla situazione occupazione nell’isola: le cifre emerse sono a dir poco preoccupanti. In controtendenza rispetto al dato nazionale, in Sicilia si riduce il numero degli occupati.

Contemporaneamente si segnala la crescita del lavoro nero e irregolare.
Nell’arco di sei anni, dal 2012 al 2018 si sono registrati 51.509 occupati in meno.
Cresce anche il lavoro irregolare, dicevamo, dal 19,5% al 21,2%, valori di gran lunga maggiori rispetto al trend nazionale sia in termini assoluti che di crescita percentuale (Italia: dal 13,3% al 13,4%).
Anche i dati relativi alla sicurezza nei luoghi di lavoro sono in netto peggioramento: all’incremento del lavoro irregolare, infatti si accompagna l’aumento degli infortuni, con un +0,5% tra il 2018 e il primo semestre del 2019.
Tra il 2016 e il 2017 gli incidenti mortali sul lavoro sono inoltre passati da 77 a 84.
“In Sicilia - commenta Alfio Mannino, segretario regionale della Cgil - oltre al problema della mancanza di lavoro si palesa un problema di qualità del lavoro. Lavoro irregolare significa, infatti lavoro sottopagato, mancato rispetto delle normative su salute e sicurezza, evasione contributiva e fiscale”.Lavoro nero che comporterebbe appunto un’evasione contributiva, stimata in tre miliardi l’anno, a fronte della quale il sindacato di Landini chiede che venga fortemente potenziato il sistema dei controlli. A tal proposti Mannino osserva come i tassi di irregolarità siano doppi rispetto alla media nazionale. “Una situazione insostenibile –afferma - che necessita di interventi urgenti. Per questo chiediamo l’apertura di tavoli di confronto col Governo regionale per affrontare le criticità esistenti agendo anche con apposite normative”
Francesco Fustaneo

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.