Notti di BCsicilia, Villabate tra passato e presente: arte e Architettura

Martedì, 27 Agosto 2019 11:30 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nell’ambito della manifestazione “Le Notti di BCsicilia” si terrà martedì 27 agosto 2019 alle ore 21,30 la visita guidata a Villabate tra passato e presente: Arte e Architettura.

L’appuntamento è in Piazza Ten. Oliveri a Villabate. La manifestazione è promossa da BCsicilia, per la salvaguardia e la valorizzazione dei beni culturali e ambientali, in collaborazione con il Comune di Villabate, l’Associazione Nazionale Carabinieri, il Comitato Utopia e il patrocinio della Regione Siciliana. Per informazioni:  Tel. 338.6175085 – 333.9781281 - Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Facebook: BCsicilia - Twitter: BCsicilia.
Dopo l’introduzione di Vincenzo Oliveri, Sindaco di Villabate, di Vincenzo Napoli, Assessore comunale alla cultura, e di Alfonso Lo Cascio, Presidente regionale di BCsicilia, inizierà la visita ai monumenti di Villabate. L’itinerario avrà come fil rouge il libro-ricerca di Salvatore Cento: “Villabate, dal Fondaco all’Autonomia”. La visita sarà guidata da Salvatore Cento e dall’architetto urbanista Giovanni Giannone. Gaetano Martorana leggerà alcuni brani tratti dal libro.
Si partirà dal settecentesco Palazzo Migliaccio – Termine. Del palazzo, secondo alcune note storiche, si parla già nel 1699, costruito in ampliamento e trasformazione di un preesistente fondaco agricolo difeso da una torre della quale rimangono evidenti tracce nel retroprospetto. Di gradissimo interesse artistico è un pittura parietale in trompe l’oeil che rappresenta figure umane in un giardino fiorito sovrastato da un cielo con voli d’uccello. Si passerà quindi al vicino Monumento alla Pace, grande opera bronzea dello scultore Nicolò  Di Bella, montata su una struttura girevole che mostra alternativamente la colomba della pace e i segni delle guerre, voluto dal Comune in occasione della Guerra del Golfo. Quindi si passerà davanti il municipio per osservare l’altro bronzo del Di Bella, voluto dall’amministrazione comunale in memoria dei caduti nella lotta alla mafia. Accanto al Municipio si potranno notare le vestigia della vecchia Stazione ferroviaria a scartamento ridotto costruita alla fine dell’Ottocento per collegare Palermo-Corleone. Infine si raggiunge la chiesa di S. Giuseppe (nella foto), moderna opera architettonica di grandissima qualità compositiva. Al suo interno si potranno ammirare i lavori del maestro Giuseppe Tuzzolino il quale illustrerà, sotto il profilo artistico e teologico, il vasto ciclo delle scritture iconografiche che decora le pareti interne della chiesa, realizzato alla luce di una innovativa interpretazione del linguaggio artistico di antica matrice bizantina. Nella stessa chiesa sono presenti: il Cristo di Pericle Fazzini, la Madonna di Virgilio Ciminaghi, il tabernacolo bronzeo di PhilKay (al secolo Filippo Misuraca) e due splendide statue marmoree del 1721 (San Giuseppe e San Michele Arcangelo) di Petrus Felici. Verrà illustrata la genesi compositivo-concettuale della chiesa, (progettata dall’arch. Carlo Schillaci) nonché il linguaggio e l’estetica legati alla tecnica costruttiva dell’edificio e della sua particolare copertura.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.