Donna fatta a pezzi a Roma. Il fratello: "Sono stato io"

Giovedì, 17 Agosto 2017 09:06 Scritto da  Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
E' stato il fratello ad uccidere e fare a pezzi la donna trovata nei cassonetti a Roma.
Maurizio Diotallevi, 62 anni, ha confessato di avere ucciso la sorella Nicoletta, 59 anni, nell'appartamento in cui abitavano, in via Guido Reni, e di avere fatto a pezzi il cadavere, sparpagliandolo in vari cassonetti posti in diversi quartieri della capitale. L'uccisione sarebbe avvenuta al culmine dell'ennesima lite scoppiata tra i due. "Mi trattava come un ragazzino, razionava i soldi. Guadagnava solo lei e ogni volta decideva lei quando e quanti darmene", ha detto Diotallevi agli investigatori durante l'interrogatorio in Questura. L'uomo ha strangolato la vittima e poi fatto a pezzi il suo corpo con una sega, pezzi gettati in diversi cassonetti in varie vie della città. Ora l'uomo dovrà rispondere di omicidio volontario ed occultamento di cadavere.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.