Dopo il salvataggio delle due banche venete chi vince e chi perde?

Martedì, 27 Giugno 2017 11:04 Scritto da  Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Ormai il decreto salva banche è pienamente operativo.
I nuovi vertici di Popolare Vicenza e Veneto Banca, spediti dal governo a guidare la transizione e salvare i due istituti, sono già al loro posto da ieri mattina e gli sportelli delle due banche venete rimangono aperti, con i dipendenti che si danno da fare per rassicurare clienti e correntisti che tutto continuerà come prima, tranquillamente, come da ordini ricevuti per mail dal nuovo "padrone" Intesa Sanpaolo, che ha invitato i dipendenti a rassicurare la clientela. Ma con questa operazione di salvataggio delle due banche, chi vincerà e chi perderà? Chi saranno i sommersi ed i salvati? I primi a brindare saranno i possessori di obbligazioni senior di Popolare Vicenza e Veneto Banca, che hanno già realizzato plusvalenze da capogiro. Hanno infatti comprato i loro bond a 70, o anche meno e, grazie al decreto governativo salva banche, hanno ricevuto la garanzia del rimborso a 100. Un bel guadagno, non c'è che dire, a spese sempre dei contribuenti italiani su cui graveranno gli oneri del salvataggio delle due banche venete. Piangeranno invece i possessori di obbligazioni subordinate, anch'essi convinti come i primi di puntare ad un affarone. Il loro valore ieri si è azzerato e dovranno chiedere il rimborso forfettario, presentando entro il 30 settembre un'apposita domanda ai nuovi vertici di Popolare Vicenza e Veneto Banca. Andrà pure male ai 210mila azionisti, ai quali non rimarrà altro da fare che ricorrere al tribunale, con tempi, costi ed esiti assolutamente incerti.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.