Ricettazione di oggetti contraffatti sul lungomare di Campofelice. Condannato senegalese

Lunedì, 05 Giugno 2017 07:10 Scritto da  Pubblicato in Campofelice
Vota questo articolo
(0 Voti)
Sono in tanti gli extracomunitari che, per potere vivere, vendono borsette, occhiali, cinture con marchi delle migliori griffe di moda contraffatti.
E spesso vengono beccati dalle forze dell'ordine e processati. Uno di questi è Mame Cheick Beye, senegalese di 28 anni, che nell'agosto del 2015 si trovava sul lungomare di Campofelice di Roccella, intendo a vendere la sua mercanzia fatta di borselli e borse di varie marche. I carabinieri si sono accorti della sua presenza e, dopo avere fermato e proceduto ad un controllo, hanno accertato che tali oggetti avevano il marchio contraffatto. I militari hanno allora proceduto al sequestro della merce ed alla denuncia del senegalese all'autorità giudiziaria. Al successivo processo, svoltosi davanti al giudice di Termini Imerese, il giovane è stato riconosciuto colpevole e condannato alla pena di cinque mesi di reclusione e 300 euro di multa. Pena sospesa. La merce venduta è stata confiscata e verrà presto distrutta.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.