La cocaina arrivava via mare, pronta ad invadere la Sicilia. Maxi sequestro di droga e tre arresti compiuti dalla guardia di finanza

Martedì, 14 Marzo 2017 13:02 Scritto da  Pubblicato in Sicilia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Erano pronti a "riempire" di cocaina la Sicilia. Ma sono stati bloccati. La guardia di finanza ha compiuto oggi tre fermi ed un sequestro di 110 chili di droga.
E' il risultato di un'operazione condotta dalla fiamme gialle, ma coordinata dalla procura di Catania. I militari hanno perquisito alcuni container provenienti dal Sud America e trasportati a bordo della nave Brussels al porto di Salerno, trovando 110 chili di cocaina nascosti in alcuni borsoni. Hanno poi eseguito tre provvedimenti di fermo nei confronti di altrettanti componenti di un'associazione internazionale, finalizzata all'importazione e al traffico di stupefacenti. Si tratta di Vincenzo Civale, 40 anni, napoletano, e dei palermitani Antonino Lupo, 53 anni, ed Antonino Ignazio Catalano, 51 anni. La droga era destinata al mercato siciliano e, una volta tagliata e divisa in dosi, avrebbe fruttato almeno 14 milioni di euro. Le indagini, che hanno portato al sequestro e ai tre arresti, sono state rese particolarmente complesse dal fatto che gli indagati agivano in più paesi tra Europa e Sud America. In particolare, Civale si recava per alcuni mesi in Colombia per accreditarsi tra i Narcos e conquistarne così la fiducia. Successivamente si metteva in contatto con Lupo per stabilire le modalità di spedizione della cocaina da fare arrivare in Sicilia.
 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.