Un locale non rispettava le più elementari norme igienico sanitarie e teneva alimenti in cattivo stato di conservazione. E il titolare non aveva nessuna licenza

Domenica, 29 Gennaio 2017 14:14 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

Agenti di Polizia avevano notato un anomalo andirivieni di persone all’interno di un locale.

Insospettiti hanno deciso di effettuare un controllo più approfondito all’interno dello stesso e constatavano così la violazione delle più elementari norme igienico sanitarie; sul un bancone vi erano alcuni tramezzini conditi e pronti ad essere venduti accanto ad una calcolatrice, alcuni mazzi di carte da gioco e a pochi centimetri di distanza da un bidone contenete immondizzia. In una stanza attigua vi erano alcuni tavolini, sedie ed altri alimenti in cattivo stato di conservazione; alle spalle del fabbricato in un cortile di pertinenza vi erano inoltre alcune gabbiette pappagallini, tartarughe marine ed un criceto; all’interno di un ulteriore locale accessibile dal cortile attraverso una porta chiusa, vi erano altre confezioni di bibite e dolciumi vari, nonché altre gabbie per uccelli con all’interno numerosi canarini di vari colori e in disparte quattro cardellini. Gli agenti, dopo aver identificato il titolare il quale non è stato in grado di fornire alcuna licenza in ordine alla gestione del locale di via Montepellegrino né alcuna plausibile giustificazione sulla detenzione illegale di fauna protetta, quali appunto i quattro cardellini. Alla luce dei fatti l’uomo, un 44enne palermitano, è stato denunciato per il cattivo stato di conservazione degli alimenti, per la detenzione illegale di fauna protetta ed il locale è stato posto sotto sequestro per l’assenza delle previste licenze. Al termine dell’intervento gli agenti hanno provveduto a liberare i cardellini precedentemente sequestrati, in un idoneo spazio verde.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.