Pd Termini Imerese su vicenda Grifa: "Sconcertante, lascia una dolorosa ferita"

Mercoledì, 17 Dicembre 2014 14:01 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(0 Voti)
Anche il Pd cittadino per bocca del suo neo segretario Angelo Cascino dice la sua sull'esito dell'incontro di ieri al Mise per il rilancio dell'impianto ex Fiat di Termini Imerese che ha segnato l'uscita di scena di Grifa e auspica un referendum cittadino sul futuro sviluppo dell'area.
"La vicenda Grifa, oltre a lasciare una dolorosa ferita aperta, è di per sé sconcertante. Ci sono voluti mesi prima che Invitalia ed il Governo comprendessero che c'era il nulla, e di fatto siamo alla scadenza dell'anno e con i licenziamenti alle porte", esordisce così il Segretario del Partito Democratico di Termini Imerese, Angelo Cascino, esprimendosi a nome del Circolo e del Gruppo Consiliare. "La nuova prospettiva legata al Gruppo RGZ (Roberto Ginatta e Giuliano Zucco, proprietari di aziende che esistenti dal 1919 che producono componentistica per il settore automotive e non solo) ci fa ben sperare visto che parliamo di imprese che hanno già un mercato, una storia, un portfolio di clienti e una solidità finanziaria. Riservandoci comunque di prendere una posizione chiara e netta dopo la presentazione del piano industriale, prevista per venerdì 19 p.v., riteniamo comunque che sia l'ultimo treno che questa comunità può prendere, anche se in notevolissimo ritardo, prima di cadere nel baratro. In ogni caso, la comunità tutta dovrà essere chiamata ad esprimersi, fra differenti scenari di sviluppo possibili, ripartendo dal Piano Strategico di Termini Imerese e, come il PD a questo punto auspica, da un referendum che coinvolga l'intera città, per scegliere insieme un futuro radicalmente diverso da quello che per anni ci siamo intestarditi a voler perseguire"

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.