Campofelice adotta un regolamento per aiutare gli universitari

Sabato, 10 Maggio 2014 21:04 Scritto da  Pubblicato in Campofelice
Vota questo articolo
(0 Voti)
Approvato regolamento che agevolerà gli studenti universitari” Ottime notizie per gli studenti universitari campofelicesi, il Consiglio Comunale ha infatti approvato un regolamento che offrirà loro vantaggi non indifferenti. Un regolamento unico nel suo genere che potrebbe creare un precedente storico; scritto interamente dal Presidente del Consiglio Emanuele Sceusi, il regolamento di fatto stanzierà 30 mila euro ai giovani universitari.
“L’obiettivo, spiega il Presidente Sceusi, è rintracciabile nella volontà di aiutare e sostenere i giovani a intraprendere e a continuare la loro carriera universitaria in un momento in cui l’istruzione è diventata un privilegio, visto i costi che le famiglie già dilaniate dalla crisi, devono sostenere. Leggendo la Costituzione l’art. 3 comma 2, recita che: bisogna rimuovere tutti gli ostacoli di ordine economico sociale, spesso però di ostacoli economico sociali ce ne sono sin troppi, il suddetto regolamento cerca di rimuoverli. Desidero ringraziare tutti i consiglieri, sia di minoranza che di maggioranza, e in modo particolare i componenti della commissione istruzione e cultura”. Per quanto di competenza del comune si istituirà un apposito capitolo di bilancio dotando lo stesso di risorse pari a 30.000,00 euro, da impinguare con eventuali compartecipazioni da parte dei menzionati assessorati regionali, ai quali pertanto richiedere una contribuzione. Il monte ore necessario a considerare ultimata la prestazione utile ad integrare l’erogazione di un quantum nei confronti dello studente, pari a circa 1000, è individuata in 200 h.
L’amministrazione predisporrà appositi progetti, a seconda delle proprie esigenze, compatibili principalmente con due aree di riferimento:
· Settore delle scienze umane
· Settore tecnico scientifico.
Si istituirà un servizio di doposcuola da predisporre con l’indirizzo e il coordinamento dell’istituto comprensivo a beneficio degli studenti della scuola dell’obbligo (per il coinvolgimento degli studenti riconducibili alla prima area di cui sopra).
Un altro settore d’intervento sarà l’elaborazione di un lavoro in equipe, riguardante uno studio e l’elaborazione di un progetto tecnico in riferimento alle esigenze del territorio in termini infrastrutturali e di innovazione tecnologica ed energetica ( volto ad includere la seconda area sopra menzionata).
Un terzo ed ulteriore progetto che si suggerisce, riguarderà la digitalizzazione dell’archivio storico dell’ente. Da ultimo si potrebbe prevedere in collaborazione con la facoltà di agraria e l’Assessorato regionale all’agricoltura, previo reperimento di ulteriori fondi mediante un patrocinio o un cofinanziamento da parte di tali enti, una sperimentazione sulla coltivazione e trasformazione degli agrumi per renderli nuovamente remunerativi per i nostri contadini. Il rapporto tra l’ente erogatore e lo studente che usufruisce di tali agevolazioni non si esaurisce con la mera prestazione di servizio. Infatti al fine di riformare il sistema assistenziale, considerato anche il particolare target di utenza, lo studente rimane obbligato nei confronti del comune con una condizione sospensiva. Nel caso in cui il beneficiario delle misure di sostegno al reddito, a decorrere dal conseguimento del titolo di laurea, entro due anni dovesse percepire un reddito stabile e superiore ad una certa soglia, dovrà porre in essere un’opera dell’ingegno o prestazione di servizio da concordare con l’amministrazione compatibilmente alle esigenze e le opportunità sia dell’ente che del soggetto obbligato. Ciò sebbene comporti un impegno aggiuntivo per il percettore di detto compenso, è un ulteriore possibilità, per lo stesso, di effettuare un’esperienza lavorativa presso l’ente e contestualmente stabilire un contatto e una rete di conoscenze utile ai fini dell’inserimento del professionista nel mondo del lavoro.
Il primo cittadino Massimo Battaglia a riguardo afferma: “il regolamento approvato dal consiglio comunale a sostegno degli studenti universitari, rappresenta uno dei traguardi più importanti che sin adesso abbiamo raggiunto. L’assise consiliare ha dimostrato grande maturità politica e immensa sensibilità, comprendendo l’importanza del provvedimento. Questo rappresenta un elemento di esempio di una politica che mette prima di tutto il bene dei cittadini uscendo da una politica infantile di mere contrapposizioni, l’opposizione in questo ha dato un grande esempio di collaborazione. Spero che questo regolamento funga da antesignano per molti comuni”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.