Allarme legionella all'Ospedale di Termini Imerese. Il batterio trovato nell’acqua che fuoriesce dai rubinetti

Venerdì, 14 Marzo 2014 08:30 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(1 Vota)

Allarme legionella all'ospedale di Termini Imerese. L'acqua che fuoriesce dai rubinetti del nosocomio risulterebbe contaminata dal noto batterio, causa di polmonite nell'uomo. Come si è scoperto? A seguito di controlli di routine condotti già alla fine del mese di febbraio sull'acqua che esce dai rubinetti dell'ospedale, ci si è accorti della presenza della legionella. Il fatto è stato però reso noto solo da pochi giorni, con una missiva firmata dal direttore sanitario Gaetani Buccheri e diretta a tutti i dirigenti e responsabili dei reparti ospedalieri perché si attivassero con le misure di prevenzione e protezione.

La missiva contiene i risultati delle analisi effettuate sull'acqua e gli strumenti da adottare per prevenire l'infezione. Ma di cosa si tratta? Cosa è questa legionella trovata nell'acqua dei rubinetti del nosocomio termitano? La legionella pneumophila, questo il suo nome completo, è un batterio, principale agente patogeno della legionellosi, che colpisce l'apparato respiratorio dell'uomo. L'infezione non si trasmette direttamente da uomo a uomo con il respiro o le goccioline di saliva, come un semplice raffreddore, ma attraverso l'acqua o l'aerosol, quindi nei luoghi dove è in funzione un impianto di condizionamento o idrico infetto. Essa risulterebbe la terza causa di polmonite acquisite in comunità, soprattutto negli ospedali, dove i pazienti sono già debilitati. La cura è antibiotica e se non adottata in tempo può portare anche alla morte, mentre la prevenzione richiede la disinfezione dell'acqua, con il suo riscaldamento fino a 70-80 gradi o la ionizzazione con rame-argento. Per intanto l'acqua dell'ospedale di Termini Imerese è contaminata e le direttive per evitare la diffusione del batterio sono state si diramate, ma i pazienti sono rimasti al loro posto, nei loro letti, senza potersi fare l'aerosol, se non con acqua sterile, e neppure lavarsi o farsi la doccia, pena il rischio di contrarre l'infezione. 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.