L’Ospedale Giglio punta sulla riabilitazione complessa

0
120

“Puntiamo ad una riabilitazione complessa che non viene fatta in altri centri della Sicilia e ad attrarre pazienti oltre lo stretto”. Lo ha detto il nuovo direttore generale del San Raffaele Giglio, Vittorio Virgilio, al termine del primo incontro con il dirigente dell’unità operativa di riabilitazione e lungodegenza dell’ospedale di Cefalù, Giuseppe Galardi.

“E’ già stato definito un piano – ha aggiunto Virgilio – per razionalizzare i posti letto implementando quelli dove c’è maggiore carenza in Sicilia. La struttura di Cefalù dispone di uno staff estremamente qualificato e multidisciplinare”.

 

L’unità di riabilitazione del San Raffaele Giglio interviene nella disabilità neurologica, cardiologica, respiratoria, ortopedica e nei disturbi della coscienza. Dispone di una unità di risveglio, con dieci posti letto dedicati, dove vengono seguiti quei pazienti con disabilità multiple e complesse causate da gravi cerebro-lesioni acquisite e con danni neurologici di estrema gravita. Vengono presi incarico anche quei pazienti che necessitano di ventilazione assistita o artificiale e provenienti dai centri trapianto per la successiva riabilitazione cardiologica e pneumologica.

Sono 64 i posti letto assegnati all’unità e divisi tra riabilitazione, lungodegenza, l’unità di risveglio e il day hospital. “Nel 2013 – ha reso noto Galardi – sono stati effettuati 426 ricoveri”.