Il Vescovo Manzella incontra gli ammalati e li esorta alla speranza

Sabato, 21 Dicembre 2013 16:17 Scritto da  Pubblicato in Cefalù
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il 20 dicembre il vescovo Vincenzo Manzella si è recato all'Ospedale San Raffaele-Giglio dove ha celebrato la messa. “Non temere se sembra che tutto ti stia crollando addosso. Non temere, perché nulla è impossibile a Dio quando il buio ci assale. Bisogna andare alla sorgente e lì trovare Dio”. E’ stata l’esortazione del vescovo di Cefalù, Vincenzo Manzella, rivolta agli ammalati e al personale dell’ospedale di Cefalù, nel corso dell’omelia tenuta per la messa di Natale.

 

“L’ospedale – ha aggiunto – è luogo di accoglienza e sofferenza dove si viene con la speranza di essere guarito. Teniamo aperto, quindi, il cuore alla speranza”.

Ad accogliere il vescovo, al suo arrivo in ospedale, accompagnato dal cappellano mons. Sebastiano Scelsi, sono stati il commissario straordinario, Nenè Mangiacavallo, il direttore generale, Carmela Durante, e il direttore sanitario, Giuseppe Ferrara.

Mangiacavallo, a nome della Fondazione San Raffaele Giglio, ha espresso parole di ringraziamento per “il particolare servizio che il vescovo dedica alla Fondazione e ai ricoverati. Noi – ha aggiunto Mangiacavallo – ci impegniamo nella cura del corpo e lei oggi, ha fatto ancor di più, nella cura delle anime. Le rivolgiamo la nostra gratitudine”.

Il vescovo, nel corso della giornata, ha visitato e si è soffermato con  gli ammalati.  “Nell’incontro personale con i fratelli e sorelle che soffrono – ha evidenziato mons. Manzella - si va per dare, invece si riceve. E’ sempre un bel momento l’incontro con gli ammalati”.

La Fondazione ha donato al vescovo un paramento sacro, indossato durante la funzione, e a sua volta donato alla cappella dell’ospedale.

Presenti alla celebrazione diverse autorità e il sindaco di Cefalù, Rosario Lapunzina.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.