Espero in edicola. Avis, una importante presenza nel territorio

Lunedì, 22 Aprile 2013 08:58 Scritto da  Pubblicato in Comprensorio
Vota questo articolo
(0 Voti)

L’Associazione, a cui aderiscono coloro che volontariamente e anonimamente donano il proprio sangue, è presente su tutto il territorio nazionale con circa 3.200 sedi. Quasi un terzo della provincia di Palermo insistono nel nostro comprensorio. Le 11 sedi nel 2012 hanno contribuito con quasi 2.500 unità di sangue raccolte. Spicca il risultato del gruppo di Gangi che negli ultimi tre anni è cresciuto nel trend superando le 700 unità raccolte. Una attività di volontariato frutto dell'impegno delle varie sezioni e dei rispettivi presidenti, ma soprattutto dei tanti donatori

di Dario Barà

 

Si è svolta il 17 marzo scorso presso l'Hotel Fiesta Athenee Palace a Campofelice di Roccella la XXIII Assemblea provinciale dell'Avis Palermo. Importante momento di confronto tra i rappresentanti delle varie realtà locali e i rappresentanti provinciali e regionali. Quest'anno l'assemblea ha segnato anche il momento del rinnovo delle cariche del direttivo giunte alla conclusione del proprio mandato quadriennale con un bilancio di fine mandato ed è stato presentato il bilancio consuntivo 2012 e quello preventivo 2013.  Padroni di casa dell'evento il presidente Giovanni Cascio, al quale il presidente provinciale uscente ha dedicato un saluto e un ringraziamento perché “continua, incessantemente, a dimostrare e testimoniare, con la sua opera, il significato e l'insegnamento della generosità in favore dei bisognosi sofferenti”, e i volontari di Campofelice che i prossimi 12, 13 e 14 aprile ospiteranno anche l'Assemblea Regionale. L'Avis è un'associazione di volontari presente su tutto il territorio nazionale con circa 3.200 sedi comunali che si pone come obiettivi quelli di “venire incontro alla crescente domanda di sangue, avere donatori pronti e controllati nella tipologia del sangue e nello stato di salute, lottare per eliminare la compravendita del sangue, donare gratuitamente sangue a tutti, senza alcuna discriminazione”.

L'ARTICOLO INTEGRALE SU ESPERO IN EDICOLA

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.