I risultati delle elezioni nazionali. Vincono Pdl e M5S

Martedì, 26 Febbraio 2013 13:44 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(0 Voti)
Come sono andate le elezioni a Termini Imerese? La cittadina tirrenica non ha affatto smentito il trend siciliano, dando al centrodestra la palma della vittoria, avendo raggranellato localmente il 35,49% dei consensi al senato ed il 33,98% alla camera, confermando così la tendenza sostanzialmente conservatrice dell'elettorato cittadino. Il centrosinistra registra invece il 22,68% dei voti alla camera ed il 29,85% al senato.     
Esaminando adesso i voti raccolti in città dai singoli partiti, alla camera al primo posto si colloca il Movimento 5 stelle, con 4.089 preferenze (29,96%), seguito dal Pdl, che racimola 3.876 consensi (28,40%).
Il Pd si ferma solo al terzo posto, con 2.521 voti, pari al 18,47%. Sel raccoglie invece appena 402 voti (2,95%), dimostrandosi una forza che non riesce a crescere. Diverso, invece, il quadro al senato, dove il primo partito è risultato il Pdl, con 3.374 voti, pari al 27,70%, segno che le promesse da imbonitore di Berlusconi (vi restituirò i soldi dell'Imu) hanno fatto particolare breccia sull'elettorato più maturo, proprietario di una casa d'abitazione. E' seguito a ruota da Movimento 5 Stelle, che raccoglie 3.152 preferenze (25,88%), dal Pd con 1.885 voti, pari al 15,48% dei consensi, e da Sel con appena 287 preferenze (2,36%). In entrambi i casi la lista Monti non sfonda, raccogliendo poche centinaia di voti. "Scompaiono" infine i centristi dell'Udc, fermi ad appena il 2,83% dei consensi per la camera, e Fli (1,52%). Senza storia le altre liste. Non si può certo parlare invece di successo per la lista Crocetta presidente, creata ad hoc con l'intento di racimolare consensi a destra e manca, sperando di strappare il premio di maggioranza al senato per il centrosinistra, spendendo ancora una volta il nome e l'immagine del governatore siciliano, ma finita per assicurare la rielezione al solo capolista, avendo raccolto in ambito regionale il 6,2% dei consensi e non portando in pratica alcun valore aggiunto alla coalizione guidata da Bersani. A Termini Imerese la lista ha raccolto 1.352 voti, pari al 11,10%, benché si siano spesi per essa i big della politica locale, dal sindaco Salvatore Burrafato ai suoi assessori, dal presidente del consiglio comunale Stefano Vitale ai consiglieri comunali di maggioranza, che a conti fatti sono riusciti a racimolare ben poco, strappando solo voti al Pd e non portando nuova linfa alla coalizione di centrosinistra. Un risultato insomma da dimenticare.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.