Due ladri nella zona portuale sorpresi e arrestati dai Carabininieri

0
142

È accaduto nel corso della mattinata di ieri, quando durante lo svolgimento di un regolare servizio di controllo del territorio, la pattuglia della Compagnia Carabinieri di Termini Imerese hanno tratto in arresto per il reato di furto aggravato in concorso, due pregiudicati palermitani in trasferta.

Paolo Pace, palermitano trentanovenne e Antimo Morlando, trentotto anni, di origine casertana ma residente a Palermo da diversi anni, entrambi disoccupati volti noti alle forze dell’ordine per reati specifici.Una gazzella dei Carabinieri mentre effettuava un controllo all’interno della zona portuale di Termini Imerese, dove è ubicato un grosso cantiere edile per il rifacimento delle banchine del porto e dove solitamente gli autotrasportatori in transito sostano in attesa degli imbarchi e sbarchi dai traghetti provenienti da Civitavecchia, notavano nei pressi di un semirimorchio due persone in atteggiamento guardingo e sospettoso. Particolare che non sfuggiva ai Carabinieri che riuscivano a sorprendere i due abili predatori intenti a smontare sedici montanti in ferro e altre barre in alluminio che costituivano la centina del semirimorchio telonato e a disporre in tutta fretta sul cassone del furgone Fiat Iveco Daily di proprietà del padre di uno degli arrestati. I due ladri, accortisi dell’arrivo dei Carabinieri, con indifferenza tentavano di salire a bordo del loro furgone per darsi alla fuga, ma venivano immediatamente bloccati dai militari operanti. I due ammettevano le loro responsabilità e venivano pertanto tratti in arresto per il reato di furto aggravato. I malfattori nella stessa giornata di ieri, sono stati sottoposti a rito direttissimo al termine del quale venivano rispettivamente: il Paolo Pace alla misura cautelare degli arresti domiciliari, mentre per Antimo Morlando (nelle foto) all’obbligo di dimora nel comune di Palermo.