Uno spettro si aggira in questi mesi per la città. E' il progetto “Si può fare”. Elaborato da un ingegnere, ha trovato l’immediata adesione di diversi cittadini che hanno dato vita al movimento che si definisce goliardicamente Popolo d’ Himera. L’idea è quella, in estrema sintesi, di una riconversione turistica dell’agglomerato industriale utilizzando i 200 milioni di euro messi a disposizione dall’accordo di programma firmato fra il Ministero dello Sviluppo Economico
e la Regione Siciliana per la reindustrializzazione dell’area. Un’idea semplice, per alcuni versi banale, che non può non suscitare immediata adesione.

Pubblicato in Termini Imerese