Finanziati dalla Regione 8 progetti sociali dei Gal: tra questi la Casa di accoglienza, svago e riposo a Valledolmo

Sabato, 05 Dicembre 2020 21:07 Scritto da  Pubblicato in Valledolmo
Vota questo articolo
(0 Voti)

In arrivo 2,5 milioni di euro per i Gal, i Gruppi di azione locale composti dai Comuni, per finanziare interventi su edifici pubblici adibiti o da adibire a strutture per anziani o per persone con limitazione nell'autonomia quali centri diurni e per ospitalità residenziale temporanea,

strutture per il "dopo di noi", laboratori protetti, case di riposo, comunità alloggio e case albergo. A darne notizia l'assessore regionale alla Famiglia, Antonio Scavone.
« Abbiamo pubblicato sul sito istituzionale del nostro assessorato - afferma l'assessore - i progetti ammessi a contributo che riguardano in particolare 8 Gal isolani, a cui andranno fino a 280 mila euro ciascuno. Gli investimenti sono finalizzati ad aumentare la disponibilità di strutture/posti per persone anziane e per persone con limitazioni nell'autonomia ed a migliorare la qualità dei servizi».
Tra gli interventi finanziati nel nostro Comprensorio Termini Imerese, Cefalù, Madonie, la realizzazione di una Casa di accoglienza, svago e riposo a Valledolmo.
Gli altri progetti riguardano i lavori di manutenzione straordinaria per la messa in sicurezza della casa per anziani di via Circonvallazione a Resuttano; la ristrutturazione della casa albergo "Stefano Fontana" a Buseto Palizzolo; i lavori per il riadattamento dei locali della villa comunale di Mascalucia, per l'insediamento di un centro di incontro per anziani; la ristrutturazione a tutela dell'agibilità del centro diurno per anziani di Tremestieri Etneo;, i lavori di manutenzione dell'immobile sito in cortile Impastato a Cinisi, per essere adibito a centro diurno polifunzionale ludico-ricreativo per anziani e disabili; la riqualificazione dell'edificio ex collegio Maria Addolorata di Troina, per la realizzazione del progetto di cohousing "Abitare insieme"; i lavori di adeguamento del centro diurno per anziani "Padre Giuseppe Di Stefano" di Santa Elisabetta e " la Nostra isola felice" di Bisaquino; i lavori di manutenzione straordinaria dell'immobile pubblico di via Lucio Pulvirenti ad Aci Sant'Antonio, per essere riutilizzato come centro diurno per anziani; e infine la realizzazione di un Centro diurno per anziani a Scicli, da mettere al servizio del comprensorio di Scicli, Modica, Ragusa, Ispica e Santa Croce Camerina.
«Si tratta di interventi - continua l'esponente del governo Musumeci - che presentavano tutti soluzioni progettuali a garanzia della sostenibilità ambientale e adottavano le migliori soluzioni in quanto ad accessibilità e adeguatezza degli spazi da destinare all'utenza».

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.