A Cefalù e Campofelice di Roccella la Guardia di Finanza denuncia due ambulanti abusivi: sequestrati 40 kg di pesce

Martedì, 24 Novembre 2020 10:49 Scritto da  Pubblicato in Comprensorio
Vota questo articolo
(0 Voti)
I Finanzieri della Tenenza di Cefalù, nell’ambito dell’intensificazione dei controlli volti al contrasto dell’abusivismo commerciale, hanno sequestrato circa 40 kg di pesce a due ambulanti operanti rispettivamente a Cefalù, nella centralissima via Roma, ed a Campofelice di Roccella nei pressi di un noto supermercato sulla S.S. 113.
Entrambi i soggetti, non avendo alcuna autorizzazione, hanno violato le norme riguardanti il commercio su area pubblica. La condotta prevede una sanzione amministrativa che va da un minimo di 154,94 € ad un massimo di 1.549,37 €.
Il pesce sequestrato, dopo essere stato sottoposto ad analisi dal veterinario del Dipartimento Di Prevenzione Veterinario – Unità Operativa Veterinaria di Cefalù, è stato classificato come idoneo al consumo umano ed è stato donato in beneficenza rispettivamente alla Casa d’accoglienza dei Frati Francescani della Parrocchia Maria Santissima di Gibilmanna e all’Istituto religioso Figlie della Croce di Campofelice di Roccella, su indicazione dei sindaci di Cefalù e Campofelice, autorità competenti in materia.
Inoltre, dai controlli effettuati successivamente è emerso che un componente del nucleo familiare di uno degli ambulanti era percettore di reddito di cittadinanza, e non avendo effettuato alcuna comunicazione all’INPS della variazione della condizione occupazionale, è stato segnalato allo stesso Istituto per tale violazione.
Continuano incessanti i controlli delle Fiamme Gialle in tutta la provincia palermitana finalizzati al contrasto delle pratiche commerciali illegali a tutela delle attività dei commercianti che rispettano le normi e della salute dei cittadini.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.