Golfo di Termini Imerese. “A-Mare di abilità”. Anche la Guardia costiera in campo per abbattere le barriere architettoniche in mare

Domenica, 29 Settembre 2019 12:34 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(0 Voti)

Organizzata da amministrazioni comunali del Golfo di Termini Imerese e dalla Guardia Costiera di Porticello, si è conclusa nella serata di ieri, la manifestazione sociale “A-Mare di abilità”, un piccolo momento di festa e un’ opportunità di condivisione per chi non può agevolmente avvicinarsi al mondo del mare.

Nel primo pomeriggio, infatti, è stata organizzata una piccola “gita in mare” per ragazzi diversamente abili - e relativi accompagnatori - i quali partiti dal porto di Porticello hanno avuto la possibilità di imbarcare sulla motovedetta CP290 della Guardia Costiera di Palermo e su altre unità navali messe a disposizione dalla Lega Navale Italiana – Sezione di Aspra e Palermo e da privati cittadini. Nel corso della navigazione, la motovedetta CP 524 dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Porticello, ha garantito la necessaria cornice di sicurezza in mare. Durante il viaggio, tutti gli ospiti, oltre a vivere un’esperienza indimenticabile, hanno avuto la possibilità di ammirare da vicino e da un’altra prospettiva le bellezze naturali del territorio costiero di Santa Flavia compreso tra Solanto e Capo Zafferano. Il Sindaco di Santa Flavia - Salvatore Sanfilippo - ha ringraziato sentitamente, oltre a tutti gli organizzatori, volontari e sponsor, anche la Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Palermo per aver dimostrato grande sensibilità sul tema sociale e per aver condiviso sin da subito l’iniziativa inviando una propria unità navale maggiore, nonché il personale della Guardia Costiera di Porticello che ha partecipato alla programmazione dell’evento supervisionando le operazioni di imbarco delle persone, permettendo che tutto ciò si svolgesse con la massima sicurezza. Anche il Comandante dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Porticello – Tenente di Vascello (CP) Giuseppe Morra ha ringraziato tutti gli organizzatori e tutti i numerosi volontari e le associazioni coinvolte (Rotary Bagheria, WWF, Protezione Civile, Pro Loco, ecc) per aver favorito questo momento di aggregazione sociale. Una grande soddisfazione non solo per aver abbattuto gli ostacoli architettonici che separano dal mondo del mare, ma anche per aver dato la possibilità a chi è costretto a muoversi su una sedia a rotelle o a chi presenta difficoltà motorie, di poter avere la possibilità di emozionarsi vicino al timone di una barca.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.