Firme false M5s a Palermo. Tutti rinviati a giudizio i 14 indagati

Venerdì, 23 Giugno 2017 20:22 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)
Sono stati tutti rinviati a giudizio i quattordici indagati nell’inchiesta sulle firme false che ha coinvolto il Movimento 5 stelle a Palermo.
Lo ha deciso il gup del tribunale del capoluogo dell'isola. Il processo comincerà il 3 ottobre davanti alla quinta sezione penale del tribunale. Ma sul giudizio incombe la spada di Damocle della prescrizione, se non si arriverà presto alla sentenza definitiva. Tra i quattordici indagati ci sono tre deputati nazionali (Riccardo Nuti, Giulia Di Vita e Claudia Mannino), due regionali (il caccamese Giorgio Ciaccio e Claudia La Rocca) e un cancelliere del tribunale (Giovanni Scarpello), accusati a vario titolo di falso e violazione di una legge regionale del 1960 in materia elettorale. L'indagine, partita da un esposto anonimo, riguarda le firme depositate dal M5s per la presentazione delle liste alle amministrative del 2012 a Palermo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.