Molestie e minacce telefoniche a Termini. Un uomo patteggia la pena

Domenica, 18 Giugno 2017 07:07 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(0 Voti)
Continue telefonate ed sms molesti e minacciosi ai danni di una slava.
Con questa accusa Michele Bono, 51 anni, di Camporeale, è finito sotto processo. Il fatto risale al 2014, quando l'uomo ha tempestato, a qualunque ora del giorno e della notte, di messaggini e telefonate anonime e pure minacciose il cellulare della donna, residente a Termini Imerese, che ha raccontato tutto alla polizia, sperando di farli cessare. Dagli accertamenti è poi emerso che tutto partiva proprio dal telefonino di Bono, che è stato denunciato a piede libero. Al successivo processo, svoltosi davanti al giudice di Termini, l'uomo ha patteggiato la pena di due mesi di reclusione. Pena sospesa.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.