Uso privato dell'auto di servizio. Obbligo di firma per il sindaco di Termini Burrafato e per un dipendente comunale

Martedì, 05 Luglio 2016 18:51 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(2 Voti)
Dovranno presentarsi ogni giorno dai carabinieri in orari prestabiliti.
E' questa la misura cautelare decisa dal gip di Termini Imerese a carico del sindaco della stessa città, Salvatore Burrafato, e del dipendente comunale Marino Battaglia, il suo autista. Il provvedimento cautelare è stato emesso nell'ambito dell'inchiesta condotta dalla procura termitana sull'uso disinvolto fatto dal sindaco e dal suo autista di una vettura comunale. I reati contestati a Burrafato sono quelli di peculato, truffa aggravata, falso in atto pubblico e abuso d’ufficio, per aver utilizzato, in diverse occasioni, l’auto comunale e le prestazione lavorative del suo autista, per scopi assolutamente personali e in danno dell’amministrazione comunale termitana; nonché di aver utilizzato alcuni locali comunali già concessi in locazione a privati e con locazione scaduta e mai rinnovata, per ragioni esclusivamente private. Battaglia, invece, è accusato peculato, truffa aggravata e falso in atto pubblico, per aver concorso con il sindaco nell’utilizzo illecito dell’auto comunale e per averla utilizzata, in numerose occasioni, per ragioni personali. Gli accertamenti hanno consentito di acclarare l’abituale utilizzo privato del mezzo di servizio da parte del sindaco, e delle prestazioni dell’autista, per circa un anno; analogamente utilizzava abitualmente lo stesso mezzo l’autista per ragioni personali, quando non impegnato con il sindaco. Insomma, secondo i PM, i due scorrazzavano a bordo dell'auto pubblica per farsi i propri affari privati.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.