In manette un intero nucleo familiare: era occupato esclusivamente allo spaccio di sostanze stupefacenti

Lunedì, 21 Dicembre 2015 12:00 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

I Carabinieri hanno tratto in arresto un intero nucleo familiare dedita solo ed esclusivamente allo spaccio di sostanze stupefacenti, unico introito al sostentamento del gruppo.

Si tratta di Giovanni Correnti, cinquantatreenne e del figlio Paolo, venticinquenne, entrambi volti noti alle Forze dell’Ordine, aiutati nell’attività dalla moglie R.a., quarantasettenne e della figlia C.v. appena diciottenne. Il nucleo familiare era residente nella frazione Aquino di Monreale. In particolare, i militari dell’Arma, avendo avuto notizia della rigogliosa attività posta in essere dai quattro, hanno eseguito una perquisizione volta alla ricerca di sostanze stupefacenti con l’ausilio di un’unità antidroga del Nucleo Cinofili Carabinieri di Palermo. Dopo ore di estenuanti ricerche all’interno dell’abitazione, i Carabinieri, in un terrazzo adiacente all’abitazione, raggiungibile solo ed esclusivamente dai Correnti, adiacente alla loro veranda, ben occultata in una finestrella, è stata rivenuta una borsa contenete € 6.700 in banconote di vario taglio, materiale per il taglio ed il confezionamento di stupefacenti, 57 grammi circa di cocaina, 69 grammi circa di mannite (sostanza spesso usata per il taglio della cocaina), 8 grammi circa di hashish (suddivisa in sei dosi già confezionate) e 3 grammi circa di marijuana, oltre a sei dosi di cocaina dal peso complessivo di 2,5 grammi circa. Tutte le sostanze sequestrate nel corso dell’operazione antidroga, saranno analizzate dal L.A.S.S. Carabinieri di Palermo, al fine di accertare l’esatto principio attivo delle stesse. I prevenuti, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, hanno atteso in regime di arresti domiciliari il rito direttissimo conclusosi nella giornata di ieri, con la convalida dell’arresto, la misura cautelare degli arresti domiciliari per Giovanni Correnti e l’immediata scarcerazione per gli altri familiari.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.