Inizia a luglio il progetto “A Step Forward Towards a Gender Equality” con 30 operatori giovanili provenienti da 10 paesi europei

Lunedì, 06 Luglio 2015 01:23 Scritto da  Pubblicato in Montemaggiore
Vota questo articolo
(0 Voti)

È già on-line sul portale del Comune di Montemaggiore Belsito l’avviso pubblico per la selezione di n. 3 partecipanti al Corso di formazione internazionale per operatori giovanili “A Step Forward Towards a Gender Equality”.

Nello specifico, il Progetto è un corso di formazione di 4 giorni che coinvolgerà 30 operatori giovanili provenienti da 10 paesi europei (Portogallo, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Romania, Croazia, Turchia, Lituania, Italia) e 2 formatori. Si svolgerà dal 13 al 18 luglio 2015 nel Comune di Montemaggiore Belsito che come Ente promotore del progetto “A Step Forward Towards a Gender Equality” Key Action 1/Youth, è coordinatore del progetto co-finanziato dall’Agenzia Nazionale Giovani - Ente attuatore del Programma Erasmus+ in Italia - vigilata dalla Commissione Europea. L'obiettivo principale di questo progetto è di contribuire al processo di costruzione di una società tollerante basata sul rispetto per la parità di genere e la diversità culturale, della cooperazione interculturale e del dialogo, attraverso la sensibilizzazione di un gruppo di operatori giovanili sul tema dell'identità di genere e della diversità culturale sostenendone lo sviluppo personale con il grado di formatori e educatori in questo settore nelle rispettive comunità di origine. Già sulle pagine di Espero on-line, il 21 gennaio 2015, si era informato che era stato finanziato un progetto europeo nell’ambito del programma Erasmus+ 2014-2020. Il budget concesso è di € 18.665,00. Cito quanto detto dall’Assessore alla Cultura Fabio Castiglia che annunciava la partecipazione del suo Comune all’iniziativa “e si tratta di un Training Course in cui i 30 giovani, attraverso una vasta gamma di attività giornaliere, porteranno la loro visione personale su concetti quali la parità di genere, la diversità culturale, la cooperazione interculturale e la costituzione di una società integrata”. L’Assessore Fabio Castiglia utilizzerà i locali del “Centro Polifunzionale Papa Giovanni Paolo II” quale sede del Training Course, nella specifica parte della sala di lettura della “Biblioteca Comunale Il Ponte”. Sullo stesso piano è il magazzino librario cui gli studenti potranno accedere, come potranno avere accesso, per tutta la durata del periodo formativo a una connessione wi-fi, implementata ad hoc - che affianca sia quella utilizzata dagli uffici comunali, sia quella della frequenza impegnata per il “Progetto Musea” il quale permette l’aggregazione virtuale di ben 21 musei tra i quali il “Museo etro-antropologico Giovanna Bellomo” collocato anche’esso come la Biblioteca civica, all’interno del polifunzionale “Papa Giovanni Paolo II” ma, al piano superiore. L’Assessore alla Cultura e allo Sport continua a essere ottimista sull’utilità e non può che affermare oggi per il programma Erasmus+ Gioventù in Azione come il “progetto avrà un impatto positivo sui giovani di Montemaggiore che si ritroveranno a confrontarsi con nuove esperienze di paesi e culture diverse” diversamente non si sarebbe passati alla fase operativa con l’impegno necessario a tentare di rendere Montemaggiore e i suoi giovani un po’ più europeisti: ovvero voler coltivare e nutrire culturalmente quell’atteggiamento politico e di pensiero che tende a creare un'unità sostanziale d’interessi materiali e spirituali o una stretta collaborazione tra i vari paesi e popoli europei. L’europeismo è un talento per la mente e il cuore che deve crescere incoraggiato da fiducia e buona volontà: sia della nuova Gioventù in Azione, sia della nuova Gioventù che coltiva quel talento con l’ingegno italico come recita l’incisione di queste tre righe: “Un popolo di poeti di artisti di eroi / di santi di pensatori di scienziati / di navigatori di trasmigratori” scolpita in cima sui prospetti ai quattro punti cardinali del Palazzo della Civiltà Italiana (l’EUR 42) a Roma sintetizzando ottimamente una verità lampante cioè che l’Italia è e ha fatto l’Europa.

Santi Licata

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.