La polizia arresta due giovani responsabili di violenza sessuale nei confronti di una minorenne

Sabato, 21 Febbraio 2015 23:29 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

La Polizia di Stato ha arrestato due giovani incensurati responsabili del reato di violenza sessuale di gruppo in danno di una minorenne. L’episodio di violenza sessuale contestata ai due risale alla tarda serata di due mesi fa. La vittima, che non conosceva i suoi carnefici, li ha incrociati durante una serata trascorsa in discoteca. Qualche chiacchiera e poche battute simpatiche sono servite ai due per ottenere la fiducia della ragazza.

Complice anche la circostanza di aver perso di vista la comitiva con cui era giunta nel locale e qualche bicchiere di troppo, la ragazza ha accettato un passaggio in macchina dai due ragazzi, due giovani palermitani, C.F. ed F.C., rispettivamente di 19 e 20 anni. La vittima è stata così condotta in un luogo appartato e lì, nell’abitacolo della vettura, è stata violentata. La ragazza è stata poi regolarmente accompagnata a casa dai due violentatori ed all’interno delle mura domestiche ha covato un senso di frustrazione e colpa che, nelle vittime di tale violenza, spesso, rovescia la reale prospettiva tra vittima e carnefice.

Questo ingannevole sentimento ha paralizzato la ragazza, incapace di comunicare, a parole, il suo malessere ai genitori. Solo attraverso una accorata lettera, la vittima è parzialmente riuscita a vincere il suo imbarazzo ed a comunicare al padre ed alla madre quanto accaduto. Ed è questo blocco, fatto di silenzi e legittimi imbarazzi, che i poliziotti della Squadra Mobile di Palermo hanno superato, rispettandolo e trasformandolo in fiducia e collaborazione. Gli agenti hanno così appreso che, come se nulla fosse accaduto il giorno prima, il giorno dopo la violenza uno dei ragazzi abbia chiesto l’amicizia su facebook alla vittima, probabilmente allo scopo di “plagiarla”, deformare la realtà e convincerla che quanto accaduto poche ore prima fosse stato il frutto di un atto consenziente.

La ragazza, sostenuta dai genitori, ha però scelto di denunciare i due ed ha ribadito con fermezza le sue accuse dinanzi a poliziotti, ad uno psicologo, consulente tecnico del Pubblico Ministero. I due risultano reclusi in regime di arresti domiciliari. Le indagini sulla vicenda sono state svolte dalla sezione “reati sessuali ed in danno di minori” della Squadra Mobile di Palermo ed il provvedimento restrittivo è stato disposto dal G.I.P. del Tribunale di Palermo, dr. Vittorio Anania, su richiesta del P.M., dr. Ennio Petrigni.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.