Rapina alla tabaccheria. Continua la caccia agli altri due malfattori entrambi palermitani

Lunedì, 18 Febbraio 2013 08:42 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(0 Voti)

Continuano incessantemente le indagini dei Carabinieri della Compagnia di Termini Imerese allo scopo di individuare ed identificare i due complici di Fabio Marotta, trentaquattrenne di Palermo, pregiudicato per reati specifici, riusciti, sabato sera, alle ore 20.30 circa, immediatamente dopo aver portato a segno una rapina alla tabaccheria di Piazza La Masa, a dileguarsi per le vie di Termini bassa.

I correi, a differenza del Fabio Marotta, bloccato dal proprietario della Tabaccheria con il quale ha avuto una colluttazione e poi arrestato dai Carabinieri che fortunatamente transitando su Corso Umberto e Margherita, vicino a Piazza La Masa, dove si è svolta la rapina, accorgendosi di quanto stava succedendo all’interno della tabaccheria, sono riusciti ieri sera, dopo aver esploso anche un colpo d’arma da fuoco, a darsi a precipitosa fuga con il bottino della rapina, quasi 2.000,00 euro, atteso che nella serata di ieri, sabato, c’erano state le giocate del “Superenalotto”. Nell’ambito delle indagini in corso, anche nella giornata odierna e nei prossimi giorni i Carabinieri della Compagnia di Termini Imerese stanno ascoltando ed ascolteranno altri testimoni oculari o comunque residenti della zona al fine di raccogliere qualsivoglia elemento risulti utile all’individuazione dei malfattori. In tal senso potrebbero essere fondamentali le video riprese delle telecamere di sorveglianza di alcuni esercizi commerciali della zona che possano aver ripreso i malfattori prima che questi si travisassero con degli scaldacollo per poi fare irruzione nella tabaccheria. Gli inquirenti cercano di individuare anche l’autovettura utilizzata dai rapinatori, presumibilmente tutti palermitani come l’arrestato, per raggiungere TerminiImerese eper darsi, successivamente al compimento del gesto criminoso, alla fuga e guadagnarsi l’impunità, “si auspica – affermano i Carabinieri - solo momentanea”. 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.