Venerdì, 23 Gennaio 2015 23:09

Nuove minacce in Municipio

Si alza il livello delle intimidazioni a Collesano.
Pubblicato in Collesano
Con una lettera anonima, spedita da Palermo il 21 gennaio all’indirizzo della sede municipale e recapitata il 22, sono state recate minacce al sindaco di Collesano, Giovanni Battista Meli.
Pubblicato in Collesano
Arriviamo davanti la porta sgangherata. È aperta. Con noi Giuseppe Biundo, ingegnere ed esperto in tutela e gestione dell’ambiente e bonifica dei siti contaminati, e Salvo Fullone, assessore ai lavori pubblici del comune di Collesano. Una casetta dimessa, ancora ordinata nelle linee essenziali del corpo, giù a valle, in quella contrada Liste che non è nota ai più. È in fondo alla strada: ingresso dalla provinciale per Scillato, in contrada Ferro. L’asfalto tutto sommato tiene ancora bene. Dopo Giambardaro, ecco Liste. Due punti segnati nella mappa del carbone bianco, dove stanno i fantasmi di quelle che furono le gloriose centrali idroelettriche delle Madonie.
Pubblicato in Collesano
Stamane i Nas di Palermo hanno proceduto alla chiusura della mensa scolastica inaugurata poche settimane fa. «Un servizio essenziale per i nostri bambini – dichiarava il sindaco, Giovanni Meli – restituito ai cittadini collesanesi» che oggi subisce una battuta d’arresto. Ma non per problemi igienici.
Pubblicato in Collesano
Il 29 novembre 2014, alle ore 17,30, presso la Sala Convegni della biblioteca comunale di Collesano, in piazza S. Maria di Gesù, si parlerà di acqua. Una delle ricchezze delle Madonie, infatti, è proprio questo elemento, utilizzato nei secoli per scopi idropotabili, ma anche per ottenere forza motrice ed elettromotrice determinando lo sviluppo di due principali schemi idroelettrici: quello di Petralia Sottana (lungo il fiume Imera Meridionale) e quello di Scillato (su un acquedotto).
Pubblicato in Collesano
Domenica, 16 Novembre 2014 14:33

È morto il magistrato Antonino Meli

Si è spento stamane, alle 7,30, nella sua casa collesanese di corso Vittorio Emanule II, il magistrato Antonino Meli, 94 anni, padre dell’attuale sindaco del comune madonita.
Pubblicato in Collesano
Giovedì, 06 Novembre 2014 15:42

Rapina alla Bcc di Collesano

Nella tarda mattinata di oggi, la sirena dell'auto dei Carabinieri ha tagliato il silenzio nel comune madonita. Una rapina è stata consumata ai danni dell'istituto di credito cooperativo "San Giuseppe" di corso Vittorio Emanuele, a ridosso della piazza Quattro Cannoli.
Pubblicato in Collesano
Era chiusa dallo scorso febbraio quando una frana del costone roccioso a causa delle abbondanti piogge ne impediva l'utilizzo in sicurezza. E' stata riaperta finalmente al traffico stamattina la strada provinciale SP9 Collesano-Campofelice di Roccella.
Pubblicato in Collesano

Il Sindaco del Comune di Collesano, Giovanni Battista Meli, ha presentato richiesta di contributo alla Presidenza del Consiglio dei Ministri per l'iniziativa di messa in sicurezza della Torre medievale del Castello dei Ventimiglia a tutela di edifici che si trovano nelle immediate vicinanze che hanno ricevuto ordinanza cautelativa di sgombero per finalità di protezione civile.

Pubblicato in Collesano
[Riceviamo e pubblichiamo] Continua il “botta e risposta” tra lo storico dell’arte locale, Marco Failla, e l’amministrazione comunale guidata da Giovanni Battista Meli, sulle sorti estetiche e filologiche della pavimentazione di piazza Castello a lavori avviati. La risposta all’ultima nota di Marco Failla giunge da parte di Stefano Piazza, architetto e docente presso l’Ateneo palermitano, le cui argomentazioni in allegato sono state condivise dalla stessa amministrazione, con nota in premessa dell’assessore alla cultura, Fausto Maria Amato.
Pubblicato in Dillo a Espero
Pagina 6 di 10

ANSA.it

Logo


Il Lotto di Espero

Espero tech

Farmacie di Turno

Ascolta tutte le Radio del Mondo


Sostieni anche tu
Esperonews
con una piccola...

« Gennaio 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Archivio Notizie

Contatti

Chiama la redazione
+39 091 8112571

o scrivi a
espero.redazione@email.it

Seguici sui social