Area metropolitana

Ormai da giorni stiamo assistendo ad un aumento esponenziale di casi da covid-19 in Sicilia anche a seguito degli esodi di chi è arrivato dal nord in queste settimane e anche nelle ultime ore. Un problema a che potrebbe costare caro a tutta la popolazione siciliana ma la regione sta cercando di provvedere a dei posti letto in caso di un'ulteriore emergenza con tanti nuovi casi per questo fanno sapere che sono già pronti almeno mille posti letto, distribuiti nelle province dell’Isola e ricavati dall’utilizzo di alberghi, residence, riservati a persone obbligate all’isolamento. Una mossa importante per ospitare tutti quei pazienti che sono di fatto risultati positivi che però non necessitano di cure particolari anche se: "Ne stiamo cercando almeno una in ogni territorio provinciale per essere pronti - sottolinea il governatore siciliano - a un possibile picco dei contagi che richieda di tenere in isolamento i soggetti risultati positivi, ma che non presentano particolari sintomi. Abbiamo allertato le organizzazioni di categoria e contiamo su adeguate risposte all’avviso pubblico del dipartimento Salute. oglio dire anche - sottolinea Musumeci- che l’Agenzia nazionale per i beni confiscati ci ha messo subito a disposizione due strutture alberghiere, a Palermo e nel trapanese, che…
A Villafrati verrà isolata una Residenza Sanitaria Assistita, una struttura non ospedaliera, che ospita per un periodo variabile da poche settimane a tempo indeterminato persone non autosufficienti, che non possono essere assistite in casa e che necessitano di specifiche cure mediche.
Se c'è una figura alla quale i palermitani son estremamente devoti, quella è sicuramente Santa Rosalia o la "Santuzza" come viene dolcemente chiamata nel capoluogo siciliano. La storia della nobile santa palermitana la consociamo e sappiamo quanto, secondo le cronache del tempo, forte è stata la sua intercessione affinché terminasse la peste iniziata nel 1624 e terminata nel 1625 dopo che vennero riconosciute le sue ossa o furono portate in processione per le vie di Palermo. La peste dunque venne debellata e oggi a distanza di 395 anni, la fede e la devozione per Santa Rosalia è sempre viva e forte e lo dimostra il fatto che a Palermo ci si prepara per supplicarla affinché venga fermato questo morbo che sta flagellando l'Italia e pian piano anche il mondo. Tutto è pronto dunque, alle ore 18:00 di domenica 22 marzo nonché la IV Domenica di Quaresima, Mons. Lorefice si recherà da solo nella chiesa Cattedrale, all’interno della cappella dove sono custodite le reliquie di Santa Rosalia, e da solo si raccoglierà in preghiera invocando l’intercessione e la protezione della Patrona della città di Palermo e di tutti i palermitani. Per l'occasione, l'arcidiocesi ha preparato anche una diretta streaming che verrà…
I carabinieri del comando provinciale continuano ad effettuare servizi in tutto il tessuto cittadino e nella provincia per verificare il rispetto delle norme a tutela della salute pubblica in applicazione delle norme recentemente emanate.
Sono ben quarantuno i sindaci della provincia di Palermo che hanno firmato e inviato una lettera al presidente della Regione Siciliana,
Sulla scia di quanto sta facendo a Genova, dove la GNV Splendid ormeggiata al porto verrà trasformata in nave ospedale, il Gruppo Aponte ha offerto la disponibilità a stazionare una nave MSC al porto di Palermo a supporto del sistema sanitario locale.
Sono ormai settimane che il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci chiede al governo nazionale l'intervento dei militari per fronteggiare
Le Fiamme Gialle durante i controlli sui passeggeri sbarcati dalla nave di linea GNV proveniente da Genova hanno sequestrato circa 110 grammi di sostanze stupefacenti di varie tipologie nonché 4 coltelli a serramanico, 2 machete e 2 asce detenuti da un cittadino svizzero.
In esecuzione di un provvedimento di Custodia Cautelare in Carcere disposto dal Tribunale di Termini Imerese con indagini coordinate dalla Procura di Termini Imerese,
A darne la notizia è stato lo stesso sindaco di Bagheria Filippo Tripoli (nella foto) con un video messaggio. Il primo cittadino ha spiegato che si tratta di un ricoverato al Dipartimento Sicilia Rizzoli.