Area metropolitana

Allarme Covid19, a Bagheria chiudono tutte le scuole

Martedì, 10 Novembre 2020 10:07 Scritto da
Filippo Maria Tripoli, sindaco di Bagheria, ha annunciato nel corso di una diretta Facebook la chiusura delle scuole del territorio comunale dal 10 sino al 14 novembre.
La Polizia di Stato ha indagato in stato di libertà due persone, Angela Chianello ed il suo “web manager”, palermitani di 41 e 36 anni, per avere realizzato, in qualità di promotori e organizzatori, uno spettacolo pubblico,
Screening di popolazione, Usca, Dipartimento di Prevenzione, ma anche gli Ospedali: il Covid Hospital di Partinico, il “Madonna dell’Alto” di Petralia Sottana ed i Pronto Soccorso del Cimino di Termini Imerese e Ingrassia di Palermo.
L’attività odierna si inquadra nell’ambito della costante azione di controllo economico del territorio assicurata dalla Guardia di Finanza e dall’Agenzia delle Dogane a contrasto dei traffici illeciti che, attraverso gli spazi doganali, interessano il territorio nazionale.
Un elegante e corposo volume edito da Silvana Editoriale rende omaggio ad un personaggio eclettico quale fu Aleardo Terzi, nato nel 1870 a Palermo, dove trascorse l’infanzia e maturò la sua formazione artistica favorita dalla vivacità culturale,
Nelle ultime 24 ore in Sicilia sono stati registrati 1.322 nuovi casi di positivi al Coronavirus, più di ieri che erano 1.155. Attualmente i positivi in tutta l’isola sono 18.526.
Anche in questi giorni, in cui la Questura di Palermo è costantemente impegnata nelle intense attività di controllo per l’osservanza delle misure finalizzate al contenimento del contagio da Covid 19, continuano le ordinarie attività.
Nel corso dell’intensificazione dell’attività di controllo economico del territorio disposto dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Palermo e finalizzata a verificare il rispetto delle norme sulla sicurezza dei prodotti posti in vendita,
Nelle prime ore della giornata di oggi, personale della Digos, a conclusione di un’articolata attività investigativa coordinata dalla locale Procura della Repubblica,
Il 4 novembre del 1918 è il giorno dell’armistizio di Villa Giusti, firmato dall’ Italia e dall’Impero Austro-Ungarico. Quell’accordo pose fine a tre anni di sanguinosa guerra nelle trincee, centinaia di migliaia di giovani soldati morti da entrambe le parti, causando un impatto pesante anche sui civili.