Polizzi Generosa

Giorno 15 e 16 aprile 2016 gli alunni delle classi terze della Scuola Secondaria di I Grado “A. Borgese” di Polizzi Generosa hanno adottato uno dei monumenti simbolo del paese.
Porto abusivo di arnesi atti allo scasso, di un coltello di genere vietato e foglio di via obbligatorio. Questo è stato contestato a due giovani fermati intorno alle 18 di ieri da una gazzella dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Petralia Sottana.
Ieri poco dopo le 12.30 i Carabinieri della Stazione di Polizzi Generosa hanno arrestato un anziano con l’accusa di estorsione.
"E' inconcepibile la decisione dell'assessorato regionale alla salute di negare il ripristino del servizio sanitario 118 a Polizzi Generosa".
“La Statale 643 di Polizzi ha sostenuto uno sforzo gigantesco in questi mesi, caricandosi l'intero traffico pesante in seguito all'interruzione dell'autostrada A19.
E’ stata riaperta al traffico la strada statale 643 “di Polizzi” dal km 14,000 al km 16,00 nei pressi di Polizzi, chiusa provvisoriamente al traffico al causa di una frana, causando gravi disagi.

Chiusa strada statale 643 causa frana. Traffico in tilt

Giovedì, 15 Ottobre 2015 12:21 Scritto da
Chiusa provvisoriamente la strada statale 643 “di Polizzi” a causa di una frana nei pressi di Polizzi, in provincia di Palermo.
Continua l'intensa attività di promozione artistica del territorio madonita dell'Associazione Culturale Promomadonie di Castelbuono che con i suoi infioratori, sabato 19 settembre, realizzerà un quadro infiorato artistico in Onore di San Gandolfo nella Chiesa Madre di Polizzi Generosa.
Si terrà mercoledì 16 settembre 2015 alle ore 17,30, a Polizzi Generosa, presso l'aula consiliare del palazzo municipale, una Tavola rotonda che prende spunto dal libro “I sovversivi. In terra di mafia la normalità è rivoluzione” di Nino Amadore, giornalista del quotidiano Il Sole 24 ore.
I Carabinieri di Petralia Sottana, nell’ambito dei servizi straordinari di controllo del territorio finalizzati a prevenire e reprimere il consumo e spaccio di sostanze stupefacenti hanno continuato a monitorare i comuni madoniti di competenza, effettuando nell’arco notturno numerosi controlli e perquisizioni.