Categoria G-Z

«C’è un solo rimedio, purtroppo, per evitare l’ulteriore crescita dei contagi in Sicilia: adottare misure restrittive, tenendo conto anche delle indicazioni arrivate dal Comitato tecnico scientifico regionale».

Da Villa Branciforti a Palazzo Butera

Venerdì, 08 Gennaio 2021 01:38 Scritto da
La piana della Bagaria per quasi un secolo dominata ancora dalla Villa Branciforti, continua ad attrarre contadini, che lavorano nelle campagne attigue date a censo, come i dammusi dove vivono.
Da oggi nei 150 Uffici Postali della provincia di Palermo sarà possibile richiedere i dati dei rapporti intercorrenti con Poste Italiane relativi all’anno 2019 e necessari per la presentazione dell’attestazione ISEE (indicatore della situazione economica equivalente).
Il Rotary Club Cefalù Madonie organizza, nell’ambito del “Progetto Salute”, una conferenza on line, tramite piattaforma Zoom, con il titolo “Le cento sfumature della menopausa”. Relatrice la ginecologa Roberta Matrone.
“Uniti per le Madonie” e “Cittadinanzattiva” Madonie Cefalù, rivolgono un accorato appello agli organi governativi regionali e nazionali, per eliminare I 4 Siti Siciliani inseriti nel Piano Nazionale per lo smaltimento dei rifiuti nucleari.
Al via la realizzazione della nuova condotta che consentirà di trasportare il metano estratto a Gagliano fino alla provincia di Palermo. E’ arrivato il permesso per la realizzazione della rete metanifera che collegherà il comune di Gagliano Castelferrato con Termini Imerese.
A Termini Imerese aumentano in maniera significativa i positivi al Coronavirus ,passando dai 28 di ieri ai 46 di cui 2 ricoverati. In aumento, anche se leggermente, il numero delle persone in isolamento fiduciario, passando dai 45 ai 46 di oggi.
Aumenta ancora il numero dei morti in Sicilia a causa del Covid, oggi sono 36 mentre ieri erano 29. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.435 casi di positivi al Coronavirus, ieri erano 1.692.
Quanto è importante la storia ? È davvero necessario studiarla ? Alla luce dei recentissimi fatti politici che stanno interessando nelle ultime ore gli Stati Uniti d’America, ancora una volta un sovrano del Regno delle Due Sicilie,
NO al deposito di scorie nucleari nelle Madonie. Unanime la voce delle Istituzioni madonite che affermano la propria contrarietà e il proprio disappunto schierandosi al fianco dei sindaci dei comuni di Castellana Sicula e Petralia Sottana,