Il primo comune a lanciare l’iniziativa era stato Isnello. Con  delibera consiliare infatti il 30 Novembre si era deciso di apporre simbolicamente delle  targhe nelle vie  principali di accesso al paese per esprimere la vicinanza simbolica alla battaglia promossa dal Comitato Ripristino S.p., che nel mese di ottobre aveva presentato  a Palazzo Comitini, indirizzata al Pres. della Provincia di Palermo Avanti,una petizione corredata da 3.532 firme per chiedere interventi urgenti di manutenzione in relazione a quelle arterie di comunicazione per cui la stessa Provincia è competente.
“E’ il momento dell’impegno” avevano affermato i ragazzi dell’ Arci 20 Gennaio qualche giorno fa. Impegno che non è mancato e che anzi ha caratterizzato la giornata del 3 aprile di ieri. Impegno paragonabile forse  solo alla mole di entusiasmo che ha avvolto la cittadina madonita, per celebrare un evento speciale che per la prima volta viene ospitato in un centro del nostro comprensorio. Caltavuturo, infatti, è stata una delle tappe della Carovana Internazionale Antimafie per il 2013, promossa da Arci, Libera e Avviso Pubblico, in collaborazione con Cgil, Cisl, Uil e La Ligue de Enseignement.
L’Altra Faccia, rivista di informazione curata e diffusa da un gruppo di giovani di Caltavuturo, ha realizzato e  presentato lo scorso 23 marzo presso le scuole del paesino madonita  “A Lu Vinti di Innaru”, un fumetto sui tragici fatti del 20 gennaio 1893, data in cui a Caltavuturo, mentre la Sicilia era scossa dalle rivolte dei Fasci Siciliani, vennero uccisi dall’esercito Regio e da un drappello di carabinieri 11 contadini di ritorno da un’occupazione simbolica del demanio comunale in contrada Sant’Antonio. Ideatore e scrittore del fumetto, Giuseppe Calanni Macchio; i disegni sono  invece stati realizzati da Caterina Prinzivalli.
E’ alquanto singolare che a molti economisti e opinionisti siciliani sia sfuggito l’ interessantissimo l’articolo di Costanza Iotti, pubblicato ieri online dal Fatto Quotidiano che parla di alcuni dati relativi a  Invitalia che fanno quantomeno riflettere. Per coloro i quali non la conoscessero Invitalia è l'Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa, fino a poco tempo addietro denominata “Sviluppo Italia”. Istituita per agire su mandato del Governo al fine di accrescere la competitività del Paese, in particolare del Mezzogiorno e per sostenere i settori strategici per lo sviluppo.
Non si arresta in Sicilia e nel sud Italia, lo scioglimento degli organi consiliari comunali per infiltrazioni mafiose; stavolta a farne le spese è anche un centro del  comprensorio madonita. Oggi, infatti, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell’interno Anna Maria Cancellieri, ha deliberato lo scioglimento, ai sensi della normativa antimafia, di sei Consigli comunali fra cui Polizzi Generosa  e Mascali nel catanese.

Farà tappa il prossimo 3 aprile a Caltavuturo, per  la prima volta nella sua storia, la Carovana Internazionale Antimafie per il 2013, promossa da Arci, Libera e Avviso Pubblico, in collaborazione con Cgil, Cisl, Uil e La Ligue de Enseignement. La Carovana Antimafie nasce nel 1994 da un’idea dell’Arci Sicilia, con dieci giorni di viaggio da Capaci a Licata, attraversando il territorio con un percorso a tappe che, a un anno e mezzo dalle stragi di Capaci e via D’Amelio del 1992, si proponeva di portare solidarietà a coloro che in prima fila operavano per portare legalità democratica, giustizia e opportunità di crescita sociale nel proprio territorio, di sensibilizzare le persone per tenere alta l’attenzione sul fenomeno mafioso, di promuovere un maggiore impegno sociale e progetti concreti. La Carovana ha poi dal 1996 assunto un carattere nazionale ed internazionale.

Il prossimo 30 Marzo si terrà a Niscemi, comune in provincia di Caltanisetta, una manifestazione nazionale contro il Muos.  Il M.U.O.S., acronimo di Mobile User Objective System, è un moderno sistema di telecomunicazioni satellitare della marina militare statunitense composto da cinque satelliti geostazionari e quattro stazioni di terra, di cui una a Niscemi, dotate di tre grandi parabole del diametro di 18,4 metri e due antenne alte 149 metri. La finalità della sua installazione è quella di coordinare in modo capillare tutti i sistemi militari statunitensi dislocati nel globo, in particolare i droni, aerei senza pilota che saranno allocati anche a Sigonella.
Continua a far discutere nel comprensorio madonita lo stato di salute in cui versano le strade provinciali e iniziano ad accendersi i toni. Ai comunicati del Comitato Ripristino Strade Provinciali  che chiedevano una presa di posizione della Provincia in merito alla situazione di degrado delle nostre arterie di comunicazione, aveva fatto seguito anche quello del consigliere comunale di Collesano, Rosario Genchi; in particolare indirizzata a quest’ultimo era giunta la replica del consigliere provinciale Cortina che aveva additato le critiche mosse come strumentali, affermando che “la Provincia regionale di Palermo fa parte di quegli enti virtuosi, quelli cioè che hanno fondi disponibili, che, pur avendo predisposto dei progetti esecutivi per la viabilità non possono operare, ossia non possono procedere con gli appalti, a causa del famigerato Patto di Stabilità”.
Pagina 5 di 7
Logo

     

Il Lotto di Espero

Espero tech

Vati Espero

Farmacie di Turno

Ascolta tutte le Radio del Mondo

Meteo


Sostieni anche tu
Esperonews
con una piccola...

« Giugno 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        

Archivio Notizie

Contatti

Chiama la redazione
+39 091 8112571

o scrivi a
espero.redazione@email.it

Seguici sui social