Termini Imerese, sequestrati in un negozio cinese 150mila articoli di bigiotteria non sicuri

Giovedì, 11 Giugno 2020 00:47 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(0 Voti)

I Finanzieri del Gruppo di Termini Imerese, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio tesi a garantire l’osservanza della normativa in materia di prezzi e sicurezza prodotti,

hanno sottoposto a sequestro amministrativo circa 150 mila articoli di bigiotteria (brillantini, bracciali, orecchini e fermacapelli) non conformi agli standard di sicurezza, detenuti per la vendita in un esercizio commerciale gestito da cittadini di etnia cinese ubicato nella cittadina termitana.
In particolare le Fiamme Gialle, nel corso dell’ispezione all’interno dei locali commerciali, hanno rinvenuto, sugli espositori destinati alla vendita, migliaia di articoli privi del previsto marchio CE, nonché delle indicazioni del produttore ed importatore, del luogo d’origine e delle istruzioni e precauzioni per l’utilizzo in violazione alla normativa sul commercio (Codice del Consumo) che impone il divieto di commercio sul territorio nazionale di qualsiasi articolo o confezione di prodotto che non riporti in forme chiaramente visibili e/o leggibili in lingua italiana tutte le informazioni destinate ai consumatori, quali ad esempio produttore, importatore e caratteristiche qualitative del prodotto.
Il legale rappresentante dell’impresa è stato segnalato alla locale Camera di Commercio per l’irrogazione della sanzione amministrativa che può arrivare fino a un massimo di 25.823,00 euro.
Continuano, incessanti, i controlli delle fiamme gialle in tutta la provincia palermitana al fine di controllare il rispetto delle misure di sicurezza adottate dall’Autorità governativa nonché contrastare possibili speculazioni o insidie alla sicurezza derivanti dalla commercializzazione di materiale non conforme alle norme.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.