Maxitruffa sui fondi per l'agricoltura in Sicilia: 24 misure cautelari, nuova bufera alla Regione Siciliana

Mercoledì, 04 Marzo 2020 14:15 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(1 Vota)

Associazione per delinquere, truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio, falsità materiale e ideologica in atto pubblico, rivelazione di segreto d’ufficio, soppressione e occultamento di atti pubblici,

sono questi i reati che i finanzieri del Gruppo Tutela Spesa Pubblica del Nucleo di polizia economico finanziaria di Palermo, hanno contestato nell'ambito dell'operazione "Gulasch - Amici Miei" a 24 tra imprenditori e funzionari che avrebbero commesso nei confronti dell'Unione Europea, Stato Italiano e Regione Siciliana.
I finanzieri si sono concentrati sull'iter per la concessione dei finanziamenti pubblici nell'ambito del PSR Sicilia (Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 e 2014-2020), ossia quegli incentivi che permettono ai giovani di creare una propria realtà lavorativa rimanendo nella propria terra. Ma la realtà è ben diversa, le fiamme gialle infatti a seguito delle indagini sulle attività dei 24, hanno seguito due filoni di indagini: il primo - si legge nella nota della GDF - relativo alla percezione indebita di rilevanti finanziamenti pubblici, il secondo, invece, incentrato sull’operato dei funzionari pubblici deputati al controllo dei requisiti e all’attribuzione dei punteggi per l’ammissione al contributo delle domande di finanziamento. Il gruppo dei 24 aveva creato 14 imprese e non si era limitato al territorio siciliano (Palermo, Monreale, Ciminna, Bolognetta, Belmonte Mezzagno e Marsala) bensì tre di queste ultime avevano sede all'estero, nello specifico in Austria, Ungheria e Romania, tutte sottoposte a sequestro da parte del G.I.P. Intanto ancora una volta tra coloro che sono stati sottoposti a misura cautelare ci sono anche funzionari regionali dell'assessorato all'agricoltura che avrebbero dato il via libera all'erogazione dei fondi in cambio di mazzette. Le porte del carcere si sono aperte per: i fratelli DI LIBERTO Giovanni Salvatore [cl. ‘79] e DI LIBERTO Francesco [cl. ‘76], il primo amministratore unico della DI LIBERTO S.r.l. e il secondo già rappresentante legale della GENERAL T.E.C. Soc. Coop.; CANGIALOSI Filippo [cl. ‘64], già funzionario dell’Ispettorato Provinciale dell’Agricoltura – I.P.A. di Palermo e attualmente in servizio al Dipartimento dell’Agricoltura dell’Assessorato Regionale all’Agricoltura e GIARRUSSO Paolo [cl. ‘66], amministratore unico della MEATECH GmbH. 
Sono invece 12 ristretti agli arresti domiciliari: GELUSO Vincenzo [cl. ‘71], già sindaco del Comune di San Cipirello e attualmente componente dell’Ufficio di gabinetto dell’Assessore Regionale all’Agricoltura; D’AMICO Antonino Cosimo [cl. ‘64], già ispettore capo dell’I.P.A. di Palermo e attualmente Dirigente del Dipartimento dell’Agricoltura dell’Assessorato Regionale all’Agricoltura; DI LIBERTO Ciro Maurizio [cl. ‘73], tecnico progettista della DI LIBERTO S.r.l. e fratello dei citati Giovanni Salvatore e Francesco; PIPITONE Nunzia Salvina [cl. ‘83], prestanome nonché coniuge di DI LIBERTO Giovanni Salvatore;
PERCIVALE Roberto [cl. ‘59], intermediario all’estero dei fratelli DI LIBERTO; IUCULANO Marco [cl. ‘71], rappresentante legale della LPB Soc. Coop.; CALI’ Giovanni [cl. ‘58], attuale rappresentante legale della GENERAL T.E.C. Soc. Coop.; PUCCIO Riccardo [cl. ‘78] e SCLAFANI Francesco [cl. ‘49], ingegneri di Marineo; GUTTADAURO Giuseppe [cl. ‘69], avvocato e imprenditore agricolo; MOCCIARO LI DESTRI Alessandro [cl. ‘73], imprenditore agricolo e TARAVELLA Giuseppe [cl. ‘60], già legale rappresentante del Consorzio Agrario di Palermo S.c.a.r.l. e poi in servizio presso l’Ispettorato dell’agricoltura di Palermo.
Invece per gli altri 8 hanno ricevuto l’obbligo di dimora nel comune di residenza con contestuale obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, nella persona diNAPOLI Lillì [cl. ‘60] e VIRGA Maria Luisa [cl.’68], dirigenti presso l’I.P.A. di Palermo; ALES Gaetano [cl. ‘67], funzionario dell’IPA di Palermo; PICARDO Salvatore [cl. ‘62], responsabile dell’area 4 tecnica - SUAP del Comune di San Cinisello; SPINELLA Ciro [cl. ‘55], agronomo di Marineo; LO CASCIO Girolamo [cl. ‘71], già rappresentante legale della GENERAL T.E.C. Soc. Coop.; RUSSO Alessandro [cl. ‘79], tecnico progettista della DI LIBERTO S.r.l.; CATALANO Maria Concetta [cl. ‘58], dirigente dell’Ufficio intercomunale dell’agricoltura “Basse Madonie”. I politici intanto plaudono il lavoro dei finanzieri come ha fatto l'europarlamentare Ignazio Corrao, il quale chiede di "intensificare i controlli poiché - spiega -  occorre riformare il sistema, potenziando quelli a campione, non è più possibile accorgersi dopo anni che sono stati versati i milioni di euro indebitamente e poi magari constatare con stupore che siano irrecuperabili"

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.