Il 15 giugno parte la campagna antincendio: arrivano 219 nuovi mezzi

Domenica, 09 Giugno 2019 16:56 Scritto da  Pubblicato in Sicilia
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il governo Musumeci su proposta dell'Assessore al Territorio e ambiente. Totò Cordaro ha dato l'imput per una delibera di giunta, nel destinare 25 milioni di euro per far fronte al parco mezzi del Corpo Forestale della Regione Sicilia.

Mezzi che in aggiunta al rinnovo della convenzione stipulata con i mezzi aerei, dovrebbe in linea di massima dare più sicurezza e tempestività per arginare gli eventuali incendi boschivi. «Interveniamo tempestivamente per un contrasto sempre più efficace al fenomeno degli incendi – commenta il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci – utilizzando somme già assegnate che, grazie alla sinergia tra il Comando del Corpo forestale e i dipartimenti Ambiente e Programmazione, potranno essere spese per una delle nostre più urgenti priorità. Proseguiamo così nel percorso intrapreso di pianificazione nella tutela del territorio, che già l’anno scorso ha dato ottimi risultati con una riduzione notevole della superficie bruciata».
Sarà ora l’Ufficio per le politiche di sviluppo e coesione presso la presidenza del Consiglio dei ministri a definire l’iter che permetterà l’acquisto dei nuovi 219 mezzi: 80 autocabinati (con una portata d’acqua di mille litri), 90 pick up (400 litri), 40 autobotti (da 3 a 4 mila litri), 9 autobotti (da 5 a 8 mila litri). Gli ultimi acquisti di mezzi risale al 2014 e questo la dice lunga sulle condizioni attuali dell'autoparco che tra servizi vari ed emergenza incendi deve per forza rinnovarsi. Rimangono ancora vivi i ricordi dello scorso anno quando gli addetti antincendio arrivavano anche a piedi sui luoghi degli incendi tra caldo e flabello sulle spalle, proprio perchè i mezzi obsoleti li lasciavano a metà strada e non potevano intervenire tempestivamente.
Il 15 Giugno parte la campagna antincendio e la Sicilia tenta di essere pronta con uomini e mezzi, nonostante la carenza di Guardie Forestali in alcuni distaccamenti (Messina) potrebbe dare precarietà ad un servizio a cui si richiede la massima esperienza e professionalità. A questi si affiancheranno i Forestali stagionali dell'antincendio che saranno sempre coadiuvati dal personale in divisa. Sono già in forza invece i Forestali della manutenzione che stanno effettuando i viali parafuoco in una prevenzione indispensabile per arginare al meglio il problema e risolvere a monte ciò che qualcuno ancora non riesce a capire.
Antonio David

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.