Incontro di studio su “Rosalia. Santità, memorie e identità cittadine”

Lunedì, 09 Luglio 2018 11:05 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nell’ambito delle iniziative a corollario della 394° edizione del Festino di Santa Rosalia, la Fondazione Ignazio Buttitta, in collaborazione con il Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino, organizza l’incontro di studio “Rosalia. Santità, memorie e identità cittadine”.

Il convegno si terrà giovedì 12 luglio 2018 alle ore 16,00 presso il Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino in piazzetta Antonio Pasqualino, 5 (trav. Via Butera) a Palermo.
Un profondo legame stringe i cittadini ai propri santi protettori, numi benevoli ma severi, garanti dei cicli della vita individuale e collettiva e dell’ordine sociale. Un legame talmente profondo che la santa o il santo patrono diviene il simbolo stesso della comunità, il totem identitario che si moltiplica nei nomi dei suoi devoti: Rosalia a Palermo, Agata a Catania, Lucia a Siracusa, Gennaro a Napoli, sono non a caso tra i nomi di battesimo maggiormente ricorrenti. D'altronde nella lunga e complessa storia politica d’Italia la Chiesa è stata l'unico potere diffuso e coesivo, all’interno di una realtà di particolarismi esasperati, in grado di proporre e affermare, soprattutto fra i ceti popolari, tratti identitari comuni. In tal modo i santi e i loro culti sono divenuti depositari di consuetudini e memorie collettive, delle storie della comunità. Si inzia alle ore 16,00 con i saluti istituzionali di Leoluca Orlando, Sindaco di Palermo, Andrea Cusumano, Assessore alla Cultura, Letizia Battaglia e Lollo Franco, Direttori artistici del Festino 2018 e Rosario Perricone, Direttore del Museo internazionale delle marionette A. Pasqualino. Alle ore 16.30 introduzione ai lavori a cura di Ignazio Buttitta dell'Università di Palermo a cui farà seguito l'intervento di Gioele Zisa, dell'Università Ludwig Maximiliam di Monaco, dal titolo: “Le città sumeriche e i loro dèi nella Mesopotamia del III millennio”. I successivi interventi saranno di Daniela Santoro, dell'Università di Palermo che parlerà di “Santità, devozione e politica nella Sicilia medievale”, Nicola Cusumano, dell'Università di Palermo, che affronterà il tema “Religione e Modernità: i santi patroni in Sicilia”,
Berardino Palumbo, dell'Università di Messina che relazionerà su “Patroni, identità, patrimoni”,
infine Valerio Petrarca, dell'Università di Napoli Federico II parlera dei “Centri e periferie nella storia del culto di Santa Rosalia”. Alle ore 19,30 “U cuntu i Santa Rusulia” di Enzo Mancuso.
La devozione alla Santuzza si ritrova viva nei canovacci e nella tradizione orale dei vecchi maestri di cuntastorie. Mancuso, con la metrica del cunto, racconterà le vicissitudini della giovane normanna Rosalia Sinibaldi, promessa al principe di Licata Baldovino ma fedele sposa di Dio, narrerà della peste e del grande miracolo, a lei attribuito, avvenuto a Palermo nel 1624.
Per informazioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., tel. 339 1852655, Museo Internazionale delle Marionette “A. Pasqualino” piazzetta Antonio Pasqualino, 5 (trav. Via Butera) a Palermo.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.