Studio Uil. Gli italiani rimangono in pensione meno degli altri europei

Martedì, 14 Novembre 2017 08:38 Scritto da  Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Siamo svantaggiati pure qui.
Per via dell'aumento dell'età pensionabile gli italiani rimangono in pensione meno dei lavoratori degli altri paesi europei. E la situazione peggiorerà a partire dal 2019, quando l'asticella per l'età pensionabile salirà a 67 anni. Tutto questo è scritto nero su bianco in uno studio pubblicato dalla Uil. Tenendo conto dell'attuale aspettativa di vita (65 anni) e dell'età della pensione, più ritardata rispetto alla maggior parte degli altri paesi europei, i nostri pensionati di sesso maschile percepiscono l'assegno pensionistico in media per 16 anni e 4 mesi, contro i 18 anni e 19 mesi della media Ue, mentre per le donne va un po' meglio (21 anni e 7 mesi, contro i 23 anni e 2 mesi della media Ue). Così, conclude lo studio Uil, non c'è nessun motivo per aumentare l'età di accesso alla pensione e bisognerà congelare subito l'adeguamento automatico dell'aspettativa di vita, perché in caso contrario i nostri lavoratori sarebbero ancora più svantaggiati rispetto al resto dell'Europa.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.