Polizia arresta un pregiudicato che spacciava stupefacenti durante la sua detenzione domiciliare

Martedì, 16 Maggio 2017 23:17 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

Cane poliziotto trova una decina di confezioni di carta stagnola, contenente marijuana e 7 cubetti di Hashish, racchiusa in una busta di plastica

La Polizia di Stato ha tratto in arresto Lorenzo Casamento, pregiudicato palermitano 25enne del quartiere CEP, resosi responsabile dei reati di evasione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo marijuana ed hashish.

I poliziotti del Commissariato di P.S. “Zisa-Borgonuovo”, nel corso di alcuni approfondimenti investigativi, hanno ritenuto che il Casamento, arrestato in passato tra l’altro per rapina, benchè costretto in regime di detenzione domicilciare non avesse perso la sua inclinazione criminale e continuasse a delinquere, spacciando da casa.

Hanno, così, deciso di procedere ad una perquisizione domiciliare. La scelta di effettuare la perquisizione ha rilevato una prima condotta criminale del palermitano, quella legata all’evasione dalla detenzione domiciliare: questi, infatti, a fronte di un permesso accordato dall’ Autorità Giudiziaria per recarsi in ospedale dalle ore 08:00 alle ore 12:00, protraeva ingiustificatamente la sua assenza, per altro, dopo avere abbandonato il nosocomio alle 11:05.

In sua assenza ma in presenza di alcuni congiunti del pregiudicato, gli agenti effettuavano, così, la perquisizione: grazie all’infallibile fiuto di “ASKO”, il cane poliziotto specializzato nelle ricerche di stupefacenti, i poliziotti rinvenivano una decina di confezioni di carta stagnola, contenente marijuana e 7 cubetti di sostanza stupefacente del tipo Hashish, racchiusa in una busta di plastica.

Soltanto a distanza di qualche ora e ben dopo le 12:00, Casamento si presentava presso la sua abitazione dove veniva tratto in arresto per i reati di evasione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

L’Autorità Giudiziaria disponeva che l’uomo fosse recluso presso la locale Casa Circondariale “Pagliarelli”.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.