Romania nel caos. 300mila in piazza contro il decreto "salva-corrotti"

Venerdì, 03 Febbraio 2017 22:47 Scritto da  Pubblicato in Esteri Letto 196 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Martedì 31 Gennaio il Governo ha approvato un decreto per la depenalizzazione dei reati di corruzione.
La legge prevede il ritiro dell’accusa per tutti quei reati di abuso di potere e corruzione non superiore a 200.000 lei (40.000 euro). Il provvedimento, presentato come decreto d’urgenza, quindi non votato in Parlamento, secondo il primo ministro, Sorin Grindeanu, è dovuto all’esigenza di svuotare le carceri sovraffollate. Le opposizioni invece lo considerano un modo per scarcerare alcuni alleati politici condannati per corruzione.
Il primo febbraio 300 mila persone hanno manifestato a Bucarest, per chiedere le dimissioni del Governo. Numerosi gli scontri fra dimostranti e polizia antisommossa.
Il decreto "salva-corrotti" ha provocato dure critiche e preoccupazione anche da parte dell'Unione europea. Per l'Ue la lotta alla corruzione da parte del governo rumeno era uno dei punti a cui era legata la decisione di allargare lo spazio di libera circolazione.

1 commento

  • Link al commento Romania Mercoledì, 01 Marzo 2017 09:55 inviato da Romania

    Il motivo di questa grande protesta è stato inizialmente l’abrogazione di un decreto legge, discutibile, che avrebbe visto molti membri autorevoli del Governo scagionati del reato di corruzione. Un decreto legislativo firmato in un battibaleno a tarda notte. In un certo senso questo veloce sistema ci ha ricordato quello che si faceva nei tempi del comunismo, quando si andava a letto incensurati, per poi scoprirsi la mattina colpevoli di qualche reato sul quale avevano legiferato solo poche ore prima. E la notizia veniva data direttamente dalla Securitate che veniva a prelevare i malcapitati alle prime luci dell’alba.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.