Vi ricordate “Giancaldo” la celebre stazione del film “Nuovo Cinema Paradiso”? Era quella di Lascari ed è stata demolita per realizzare il doppio binario. In altri posti sarebbe stata valorizzata

Domenica, 29 Gennaio 2017 16:39 Scritto da  Pubblicato in Lascari
Vota questo articolo
(8 Voti)

Ricordate la stazione di Giancaldo nel celebre film “Nuovo Cinema Paradiso” di Giuseppe Tornatore?

Bene, quella in realtà è la stazione ferroviaria di Lascari, il comune delle Madonie in provincia di Palermo. Qui nel 1988 venne girata la scena in cui Salvatore saluta l’amico Alfredo e i propri cari prima di salire sul treno che lo porterà lontano dalla sua Sicilia. Questo edificio è stato demolito a seguito della realizzazione del doppio binario, tratta Palermo-Messina.
Troppe volte ci troviamo ad assistere impotenti  ad avvenimenti a dir poco privi di significato e di logica come in questo caso. Non vi nascondo che ciò mi amareggia tantissimo: se Nuovo Cinema Paradiso è stato riconosciuto come uno dei migliori film del cinema italiano, lo si deve un pò anche a quella stazione.
Viaggiando mi è capitato spesso di vedere come altre realtà riescano a far rivivere luoghi che, sia per l’incuria, negligenza dell’uomo e ottusità delle amministrazioni locali, rimangono dimenticati da tutti per anni. Poi, un bel giorno arriva chi si rende conto che farli rivivere potrebbe essere motivo di orgoglio e di crescita. Uno dei tanti esempi è la stazione ferroviaria D’Orsay a Parigi. Progettata dall’arch. Victor Laloux nel 1900, fu set ideale per Marcel Proust che vi ambientò scene del suo "Alla ricerca del tempo perduto" e per Orson Welles che vi girò scene di “Il processo di Kafka”. Rimase operativa fino al 1939. Da questo momento verrà adibita a vari usi, fino a quando nel 1973 la stazione verrà inserita nell’elenco straordinario dei Monumenti Storici, poi il 20 ottobre 1977 il consiglio interministeriale prenderà la decisione ufficiale di costruirvi un museo. Fu così che il 9 dicembre del 1986 venne inaugurato il luogo destinato all’arte del XIX secolo, più visitato al mondo. A un passo dall’essere demolita e sostituita da un grande e moderno albergo, la stazione fu inserita nell’elenco straordinario dei Monumenti Storici. Certo il paragone non regge, ma faccio appello affinchè non si distrugga il passato, non possiamo permettere che altri tasselli della nostra storia vengano rimossi per sempre.
Altri  avrebbero sicuramente  valorizzato questo immobile istituendovi un museo o  destinandolo ad attività di cineturismo. La Sicilia è una terra ricca di storia, di cultura è un set naturale dove registi e produttori hanno scelto di ambientare pellicole col tempo divenute pezzi che hanno fatto la  storia del cinema. Promuovere il turismo e valorizzare il proprio territorio, deve a mio avviso, essere la strategia che un pò tutti dovremmo adottare, per far si che il viaggio sensoriale tra i colori, gli odori e i sapori di questa terra possa sempre emozionare.
Silvana Schittino
Nella foto in alto la stazione di Lascari distrutta per realizzare il doppio binario e la stessa in base durante una scena del film “Nuovo Cinema Paradiso” quando venne trasformata nella stazione di “Giancaldo”.

1 commento

  • Link al commento giovanni Lunedì, 30 Gennaio 2017 07:13 inviato da giovanni

    ma come pretendiamo di andare avanti?
    dispiace per i ricordi, ma bisogna guardare avanti, evidentemente serviva spazio...
    mah...

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.