Ad Alia minacce, pugni e calci ad un compaesano. Pena patteggiata al processo

Lunedì, 11 Aprile 2016 08:16 Scritto da  Pubblicato in Alia
Vota questo articolo
(0 Voti)
Ha minacciato di morte un compaesano, "invitandolo" a non farsi vedere in giro per Alia, prendendolo pure a pugni.
Così Giuseppe Napolitano, 26 anni, di Alia, è finito sotto processo con l'accusa di minacce gravi e lesioni personali, fatti accaduti nel 2014. Davanti al giudice monocratico di Termini Imerese, dove è stato processato per questo episodio, il giovane però ha preferito patteggiare la pena di quattro mesi di reclusione, oltre al pagamento delle spese legali alla parte civile.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.