Aggredito studente fuorisede. La Polizia identifica e arresta uno dei componenti del “branco”: un giovane quindicenne già recluso del “Malaspina”

Lunedì, 04 Gennaio 2016 14:25 Scritto da  Pubblicato in Area metropolitana
Vota questo articolo
(0 Voti)

La Polizia di Stato ha tratto in arresto un quindicenne, autore, stanotte, di una rapina aggravata in danno di uno studente fuori sede. In via Michele Cipolla, un 30enne trapanese, è stata aggredito e rapinato  da quattro giovanissimi.

L’individuazione della vittima è stata fin troppo facile per il “branco”: è stato, infatti, lo stesso 30enne ad avvicinare i quattro giovanissimi,  chiedendo loro indicazioni per raggiungere un pub della zona. I quattro hanno finto cortesia e disponibilità, a tal punto da prestarsi ad accompagnare, fisicamente, il giovane, nel pub indicato. Sono bastati una decina di metri per smascherare i giovanissimi e trasformarli da provetti “Ciceroni” in spregiudicati aggressori: con la facile “spavalderia” di chi sa di essere in superiorità numerica, i malviventi hanno,  bruscamente, chiesto denaro ed oggetti personali alla vittima ed hanno racimolato un bottino composto da un iphone e, circa 150,00 euro. Che i quattro si ritenessero dei “bulli” lo avrebbero dimostrato anche nelle fasi successive alla rapina quando si sarebbero allontanati come se nulla fosse stato, a passo normale, senza adottare alcuna precauzione e permanendo, insieme, nella stessa zona. Quando, a distanza di pochi minuti, i componenti di una volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, ancora ignari di quanto accaduto, hanno notato i quattro in via Balsamo e gli si sono accostati per un controllo di routine, solo allora, è scattata la fuga in  direzione di vicini, angusti, vicoli. I poliziotti, anch’essi scesi dalla vettura di servizio, hanno inseguito e raggiunto uno dei fuggitivi e lo hanno bloccato. Chi fosse il giovane e di cosa si fosse, poco prima, reso responsabile, i poliziotti lo avrebbero appreso, a distanza di poco tempo. La vittima, avrebbe, infatti, riconosciuto il giovanissimo quale un elemento del “branco”. Il quindicenne, residente nella zona di via Maqueda, a dispetto della giovane età già gravato da pregiudizi di polizia, risulta recluso presso il “Malaspina” mentre attive indagini sono in corso per risalire agli altri componenti del gruppo criminale.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.