La poesia in piazza. Tributo a De Andrè

Mercoledì, 08 Luglio 2015 09:32 Scritto da  Pubblicato in Campofelice
Vota questo articolo
(0 Voti)
Un cantautore è merce rara; ancor di più un poeta. Vero. E tra questi, un cantautore-poeta che graffia anima e corpo. Con De Andrè è sempre un'altra storia; un toro da prendere per le corna, con cautela, ma fragile quanto un colibrì; e altrettanto agile, da guizzare via. Non ci sono pause. Non ce ne possono essere. Guai a distrarsi. Lui ti inchioda. Un'estasi tra i vicoli delle città o tra la storia. Dentro il corpo umano.
E tributargli in piazza un momento di corale richiamo, al di là della resa, è sempre atto dovuto. Occorrerebbe, in realtà, istituirne uno in ogni comune almeno una volta l'anno.

"Nonostante siano passati 16 anni dalla sua scomparsa - dichiara Claudio Miracola, ideatore e conduttore dello spettacolo insieme a Mariangela Vetrano - Fabrizio de Andrè resta uno dei più importanti e più amati esponenti della canzone d’autore italiana. Lui che è stato il cantore degli esclusi, colui che ostinatamente tra sacro e profano, ha dato voce alle minoranze, agli emarginati, al popolo dei vinti, ai drogati, alle prostitute, agli omosessuali: nemico delle convenzioni e sospettoso di ogni ideologia, ma consapevole che ciò che andava cantato era anzitutto l’amore per l’uomo, rifiutò i modelli convenzionali, per imboccare invece, sulla “sua cattiva strada”, la via della conquista di un’idea di libertà sempre rimessa in discussione".

"Il pescatore - Tributo a Fabrisio De Andrè", organizzato da radio RB Stereo Sound, con il patrocinio del comune di Campofelice di Roccella, vedrà impegnati diversi artisti locali del comprensorio madonita, il 4 agosto, in piazza Garibaldi. Start ore 21,45. Regia di Enzo Caputo, l'evento sarà trasmesso in diretta radiofonica su RB Stereo Sound (FM 99.700) e su Radio Panorama (FM 106.4 e 104.1) e in streaming su madonieventilive.it a partire dalle 22.

"Non solo un grande cantautore quindi, ma una vera e propria icona delle minoranze ed una voce libera - continua Miracola - che ha toccato anche temi sociali importanti come l’inutilità delle guerre, l’arroganza del potere, la giustizia forcaiola e tanto altro, infrangendo i dogmi della canzonetta italiana. Per questo abbiamo deciso di dedicargli una serata evento, un tributo in cui, grazie alla partecipazione di tanti artisti, cantanti, gruppi musicali e scuole di ballo, che hanno aderito gratuitamente ma con grande entusiasmo e voglia di fare a questo progetto, faremo un viaggio nella sua immensa discografia, dalla quale abbiamo provato ad estrapolare le canzoni più belle consapevoli di averne dovuta escludere qualcuna". 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.