Alla Tisia d’Imera “People and places”, un progetto dell’Unione Europea destinato all’istruzione degli adulti

Lunedì, 03 Novembre 2014 14:45 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(0 Voti)

È durato dal 28 al 30 ottobre il progetto “People and places” che si è tenuto presso la scuola Tisia d’Imera a cura del Centro Territoriale Permanente, rientrante nel progetto Grundtvig, finanziato dall’Unione Europea a supporto di azioni nel campo dell’istruzione degli adulti.

 

Il progetto prevede uno scambio tra paesi europeie mira alla promozione dello spirito imprenditoriale. Un gruppo di persone si sposta a turno in uno dei paesi aderenti e trascorre lì circa tre giorni per apprendere alcune pratiche o tecniche che riguardano l’artigianato, la danza, o qualche attività tipica del Paese in questione.

Il progetto è stato attivato nell’agosto 2013 e si concluderà nel giugno 2015. A turno i paesi aderenti che sono Olanda, Spagna, Romania, Turchia, Estonia, Lituania, Italia, realizzano i meeting in cui giovani e adulti si incontrano e insieme apprendono le varie offerte didattiche proposte.

Il meeting realizzato a Termini Imerese, grazie al coordinamento della prof.ssa Flavia Quagliana, insegnante della S.M.S. Tisia d’Imera, ha visto un gruppo di 17 persone composto da adulti over 55 e ragazzi con almeno 18 anni, provenienti dai vari Paesi che hanno aderito al progetto.

A tal riguardo il Sindaco di Termini Imerese, Totò Burrafato, che nei giorni scorsi ha incontrato nella residenza municipale le delegazioni dei Paesi aderenti al progetto ha dichiarato: “è stato un momento importante e di confronto. Una contaminazione tra realtà completamente diverse. Ringrazio la scuola media Tisia d'Imera che ha voluto condividere con l'Amministrazione comunale un saluto istituzionale alle delegazioni straniere”.

Nelle tre giornate i workshop hanno proposto tecniche di fotografia, danza e cartapesta. Gli ospiti hanno così realizzato una maschera di cartapesta, hanno imparato alcuni passi di ballo, in particolare quelli della contraddanza, grazie alla collaborazione di un gruppo folcloristico di Trabia. Hanno confrontato foto della Termini Imerese antica con quelle della Termini Imerese di oggi, con i racconti degli anziani che parlavano di vecchie abitudini, dei luoghi di passeggio o di incontro di prima, cambiati certamente con le nuove abitudini di oggi.

Gli spostamenti da realizzare durante la durata del progetto vanno da un minimo di 12 a un massimo di 24. Visite sono state già effettuate in Turchia, Lituania ed Estonia.

Una particolarità del progetto riguarda la realizzazione di una Canvas, una “tela itinerante” lunga 7 metri che viene arricchita di volta in volta da nuovi disegni e, alla conclusione del progetto verrà esposta in Olanda, ultima tappa programmata.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.