Depuratore sversava in mare, sequestrato

Martedì, 03 Dicembre 2013 16:12 Scritto da  Pubblicato in Termini Imerese
Vota questo articolo
(0 Voti)
La Guardia Costiera e l'Arpa hanno sequestrato l'impianto di depurazione di proprietà della Profineco nella zona industriale di Termini Imerese per lo sversamento in mare di liquami inquinanti. E' quanto si apprende dall'agenzia stampa AGI. Il depuratore smaltiva, tra l'altro, percolato proveniente dalla discarica di Bellolampo e da Gela ed altri rifiuti liquidi di vari siti industriali.
L'azienda, secondo l'accusa, invece di effettuare il previsto trattamento di depurazione, avrebbe riversato i liquidi nella condotta di acque bianche dell'Irsap per poi sfociare direttamente in mare. Il legale rappresentante della società è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Termini Imerese per violazione delle norme ambientali, mentre il Gip ha convalidato il sequestro dell'impianto. Intanto l'assessorato regionale all'Energia, sempre secondo quanto riportato dall'AGI, avrebbe sospeso per almeno sei mesi l'AIA (Autorizzazione integrata ambientale). In corso ulteriori indagini da parte degli inquirenti.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.