Sequestrata la sala da ballo del Karifè Dscoteque

Mercoledì, 10 Aprile 2013 08:57 Scritto da  Pubblicato in Campofelice
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nell'ultimo weekend la squadra amministrativa e sociale del Commissariato di Cefalù è stata impegnata in una serie di controlli finalizzati al contrasto dell'abusivismo nel settore dei pubblici spettacoli e dei trattenimenti danzanti.  I servizi sono stati predisposti dal Dirigente del Commissariato Manfredi Borsellino in seguito ad una serie di esposti che segnalavano l'organizzazione di spettacoli e "feste", pubblicizzata anche tramite i più noti social network, all'interno di locali privi dei requisiti di sicurezza previsti e dell'apposita licenza del Questore per tenere trattenimenti danzanti.

Nella notte tra sabato e domenica sono stati effettuati sopralluoghi a Polizzi Generosa (nella via Notar Nicchi), a Castellana Sicula (rione Calcarelli), a Petralia Soprana e Sottana (rispettivamente in via Felice Gangi e al Bivio Madonnuzza) e in contrada Pistavecchia a Campofelice di Roccella. E' stato proprio l'ultimo controllo, eseguito presso il locale "Karifè Dscoteque"  (denominato "Karifè Disco Pizzeria) sito nella contrada Pistavecchia di Campofelice di Roccella, ad evidenziare come all'interno di un esercizio che in realtà sarebbe dovuto essere adibito a pizzeria era in pieno svolgimento una festa con almeno un centinaio di avventori ,molti dei quali intenti a ballare. All'atto del controllo gli operatori hanno avuto modo di apprezzare una sala attigua all'ingresso  attrezzata a discoteca con pista da ballo e luci di diverso colore, nonchè un bancone per la mescita e la somministrazione di bevande, anche alcoliche, con annessa postazione "DJ".  Identificato il responsabile del locale questi si dichiarava sprovvisto della licenza del Questore per tenere "trattenimenti danzanti" e  del collaudo del locale da parte della Commissione Comunale di Vigilanza dei Locali di Pubblico Spettacolo. A questo punto il personale della squadra amministrativa del Commissariato non ha potuto che procedere al sequestro preventivo della sala da ballo e della strumentazione (consolle e apparecchiature elettroniche) utilizzata per intrattenere i numerosi avventori che, mestamente, hanno dovuto far rientro nelle rispettive abitazioni.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.